gototopgototop
News
Rivoluzione Coppa Italia: niente più club di Serie C e D Rivoluzione Coppa Italia: niente più club di Serie C e D Dalla prossima stagione, 2021-2022, cambierà il ...
Statistiche finali stagione 2020-2021 Statistiche finali stagione 2020-2021 Di Giovanni Chiorazzi Sono on-line le s...
L’obiettivo sul campo di G. Leonardi: Novara-Como L’obiettivo sul campo di G. Leonardi: Novara-Como Di redazione vanovarava.it Per gentile ...
Volley Novara, la vittoria contro Altiora di buon auspicio... Volley Novara, la vittoria contro Altiora di buon auspicio... Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Libertas Novara: 15 medaglie per gli “Esordienti” Libertas Novara: 15 medaglie per gli “Esordienti” Pubblichiamo integralmente il comunicato, pervenu...

Classifica 2020/2021

Sondaggio
La fine della stagione 2020-2021 per il Novara Calcio rappresenta:
 

Presentazione ufficiale per Della Rocca


Di redazione vanovarava.it

Il “calciomercato” invernale è giunto al termine lunedì 2 febbraio e, in casa azzurra, non si sono registrate solo cessioni (tante rispetto a quanto preventivato all’inizio) bensì anche un ingaggio, in attacco, doveroso viste le contemporanee cessioni di Manconi e Gustavo al Lecce (militante in Lega Pro Girone C). Stiamo parlando di Luigi Andrea Della Rocca, giunto a titolo temporaneo sino a fine stagione e che assieme a Gonzalez, Evacuo e Corazza comporrà il reparto offensivo azzurro da qui alla fine di giugno.

Nel primo pomeriggio di giovedì 5 febbraio, Della Rocca si è presentato alla Stampa nella consueta “vetrina” di Novarello, presentato per l’occasione dal DS Domenico Teti: “Come sappiamo il nostro mercato di gennaio si è definitivamente concluso con l’innesto di Luigi, attraverso un’operazione che si è perfezionata nella serata dell’ultimo giorno utile, ma che in realtà abbiamo “lavorato” precedentemente, perché abbiamo mantenuto un contatto costante sia con il Lecce che con l’agente di Luigi - queste le prime parole di apertura del DS Teti, che ha poi proseguito - come sappiamo i tempi delle firme e d’incastro di alcune operazioni, li scandisce il mercato. Siamo contenti e soddisfatti di quest’operazione, sappiamo che nel mercato è soprattutto importante reperire giocatori che siano pronti nell’immediato e sappiamo anche che il mercato serve a completare o migliorare le rose per quanto possibile, non soltanto a tesserare un buon calciatore. In questo senso Luigi rappresenta tutto ciò, perché è un calciatore che attraverso le sue caratteristiche tecnico-tattiche ci consente di assortire e completare il nostro pacchetto offensivo, oltre a portare capacità, esperienza, conoscenza della categoria. Così come avvenuto precedentemente, sia per Foglio che per Gavazzi, è un giocatore che arriva con partite nelle gambe ed è quindi immediatamente a disposizione dell’allenatore e della squadra, in un gruppo solido, un aspetto che voglio sottolineare perché tale è il nostro gruppo di lavoro e che di giorno in giorno ci dimostra una spiccata cultura del lavoro e un forte attaccamento verso i nostri colori”.

Una presentazione molto esplicita quella del DS Teti, che ha poi lasciato la parola all’attaccante Luigi Andrea Della Rocca: “Il discorso motivazionale lo do quasi per scontato, c’è grande voglia di fare bene e di essere utile, oltre a dare tutto quello che ho a disposizione, sotto tutti i punti di vista”.

“Nella mia carriera - prosegue Della Rocca - ho giocato con vari tipi di partner in attacco, a livello di caratteristiche e anche con svariati moduli di gioco, quindi da questo punto di vista non ho nessun tipo di problemi. Mi sono sempre adattato abbastanza bene”.

Perché Novara? “Innanzitutto perché è una grande piazza, come Lecce del resto; poi perché a volte le cose semplicemente non vanno… al di là che uno ce la metta tutta, ripartire in un nuovo progetto può essere una circostanza positiva per far bene”.

Come sarà l’ambientazione per Della Rocca? “Sono uno che non ha mai avuto problemi ad integrarmi con i nuovi ambienti di lavoro, andando d’accordo con tutti. Penso che non farò fatica neanche qui a Novara, tra l’altro conoscevo già diversi giocatori, alcuni per averci giocato assieme, altri per averci giocato contro. Questo è senza dubbio un gruppo solido”.

“Sono presenti giocatori che vantano un buon curriculum, personalmente mi metto a disposizione del mister e della società per dare il mio contributo. Sta all’allenatore decidere come, quando e quanto impiegarmi, sapendo che c’è grande concorrenza... ma questo fa parte del calcio e può essere uno stimolo in più per lavorare al meglio”.

Le caratteristiche principali di Della Rocca? “Sono una prima punta, ma in base a esigenze tattiche ho fatto anche da seconda punta. Diciamo che… mi piace giocare a calcio, non sono la classica prima punta che attende il pallone in attacco; quando uno va in campo e cerca di mettersi a disposizione pensa solo a uno scopo. Sono uno che ama aiutare la squadra, sono pronto a sacrificarmi per aprire gli spazi in campo o per agevolare gli inserimenti di chi mi affianca”.

A Lecce un periodo non troppo positivo… “Sono partito bene, facendo gol alla seconda giornata e disputando una serie di buone prestazioni. Poi pian piano ho perso un po’ fiducia e il gol non arrivava… in sintesi il problema principale è stato questo, però a Lecce sono stato bene e auguro alla squadra salentina le migliori cose”.

redazione vanovarava.it
Foto novaracalcio.com

 

La maglia azzurra 2020-21

Storico Articoli