gototopgototop
News
Rivoluzione Coppa Italia: niente più club di Serie C e D Rivoluzione Coppa Italia: niente più club di Serie C e D Dalla prossima stagione, 2021-2022, cambierà il ...
Statistiche finali stagione 2020-2021 Statistiche finali stagione 2020-2021 Di Giovanni Chiorazzi Sono on-line le s...
L’obiettivo sul campo di G. Leonardi: Novara-Como L’obiettivo sul campo di G. Leonardi: Novara-Como Di redazione vanovarava.it Per gentile ...
Volley Novara, la vittoria contro Altiora di buon auspicio... Volley Novara, la vittoria contro Altiora di buon auspicio... Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Libertas Novara: 15 medaglie per gli “Esordienti” Libertas Novara: 15 medaglie per gli “Esordienti” Pubblichiamo integralmente il comunicato, pervenu...

Classifica 2020/2021

Sondaggio
La fine della stagione 2020-2021 per il Novara Calcio rappresenta:
 

Presentazione ufficiale per Foglio e Gavazzi


Di redazione vanovarava.it

Tempo di presentazione in casa azzurra per i due nuovi ingaggi. Due giocatori sui quali il Novara punta molto, nel tentativo di rafforzare il reparto arretrato (quello che ha maggiormente risentito delle numerose defezioni in questa prima parte di stagione). Per capirlo non serve osservare il curriculum di Valerio Foglio (nella foto a sinistra) e di Fabio Gavazzi (destra), ma semplicemente sottolineare che la società ha scelto di ingaggiare i due difensori a titolo definitivo, facendo sottoscrivere rispettivamente al primo un biennale e al secondo un triennale.

Alla conferenza di presentazione svoltasi a Novarello, dove entrambi i giocatori hanno già svolto due giorni di preparazione assieme ai nuovi compagni, era presente anche il DS azzurro Domenico Teti.

Il primo a prendere la parola è stato l’ex difensore del Monza, Valerio Foglio, il cui ruolo più naturale è quello di esterno sinistro (e che quindi si candida a sostituire Garofalo sulla fascia, almeno in attesa di un suo recupero integrale dall’infortunio subito). “Ringrazio chi ha creduto in me e sono ansioso di dare il mio contributo alla squadra - le sue prime dichiarazioni - Ho fatto una scelta personale venendo qui, rifiutando le offerte di altre società che si erano proposte nei miei confronti. Questo perché sono rimasto colpito dal progetto societario che mi è stato ampiamente descritto e ora sono fiero di farne parte”.

La vicinanza con il luogo dove abita Foglio può aver inciso in questa scelta? “E’ un aspetto importante questo ma non credo che tornerò a casa tutti i giorni a Castellanza, in quanto preferisco rimanere a Novara dato che ho una moglie e un bambino di appena 40 giorni”.

Un parere sul Novara attuale? “Ho visto diverse partite degli azzurri quest’anno, conosco il modo di interpretare la partite di Toscano e soprattutto le caratteristiche necessarie ai giocatori nel modulo che adotta. Proprio per questo penso di aver fatto la scelta giusta”.

Rimanendo su mister Toscano, viene chiesto a Foglio un parere personale più approfondito. “Mi ha fatto un’ottima impressione fin dal mio arrivo. Ci siamo chiariti subito sulle esigenze della squadra”.

I trascorsi di questa prima parte di stagione con il Monza? “Abbiamo riscontrato numerose difficoltà societarie, in primis quelle economiche dato che eravamo costretti a giocare senza percepire alcun stipendio. Ognuno di noi ha cercato di trovare altre soluzioni, ma tutti si sono comportati in modo molto professionale andando avanti ugualmente e togliendosi anche qualche soddisfazione”.

Preferenze sul ruolo in campo? “A Monza, così come in passato, ho sempre giocato sulla fascia, tuttavia quest’anno mi sono adattato a giocare anche al centro”.

Sabato il primo impegno in campionato con la maglia azzurra… “Questo gruppo mi sembra carico e motivato per affrontare l’impegno, il FeralpiSalò sta attraversando un buon momento di forma ma è alla nostra portata. Quando giocavo con il Monza abbiamo perso contro di loro, ma non meritavamo la sconfitta”.

La parola è poi passata a Fabio Gavazzi, ex giocatore e capitano del Renate, con il quale ha trascorso ben cinque stagioni consecutive. “Giocare con il Novara rappresenta per me una grande opportunità visto il prestigio e l’ambizione societaria. Poi, ovviamente, c’è la possibilità di vincere il campionato. La trattativa con il Novara era già stata avviata da tempo; penso di aver maturato una buona crescita in questi anni a Renate, ma quando mi si è prospettata questa chance ho capito che non potevo lasciarmela scappare”.

Prime impressioni sulla squadra e sull’ambiente? “Mi piace molto la cultura del lavoro che ho trovato che si basa su grinta e applicazione, due principi nei quali credo fortemente. Onestamente non mi sarei aspettato un adattamento così agevolato, ma sono felicissimo di questo”.

Che giocatore è Fabio Gavazzi? “Il ruolo che ricopro (N.d.R. centrale difensivo) oltre alle mie caratteristiche fisiche, mi impongono di non essere debole da un punto di vista psicologico. Come ho già detto prima, faccio del lavoro - ma anche dell’agonismo - le mie doti principali. Sono un destro naturale e il mio ruolo più congeniale è quello al centro della difesa, sebbene mi possa adattare anche sulla fascia sinistra”.

redazione vanovarava.it
foto: novaracalcio.com

 

La maglia azzurra 2020-21

Storico Articoli