gototopgototop
News...
A tutta Bernile A tutta Bernile Di Alberto Battimo Domenica 19 maggio, a “Novare...
Alessia Mazzaro completa il reparto centrale della Igor Volley Alessia Mazzaro completa il reparto centrale della Igor Volley Pubblichiamo integralmente il testo del com...
Volley Novara: atto finale dei play-off Volley Novara: atto finale dei play-off Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
TC Piazzano: Giulio Petrilli vince il campionato regionale U12 TC Piazzano: Giulio Petrilli vince il campionato regionale U12 Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
GS Regaldi: tornei nazionali “open” di Mazzano e Villadossola GS Regaldi: tornei nazionali “open” di Mazzano e Villadossola Pubblichiamo integralmente il testo del comunicat...



Il simbolo di Novara!

Guido Leonardi

GUIDO LEONARDI

Ciao ragazzi, presentiamoci quindi, io sono Guido! Per gli amici di Insta “lionheart373”. Scrivere non è il mio mestiere, non sono bravo come i miei illuminati colleghi, a maggior ragione se il soggetto in questione sono proprio io! Sono più portato al “fare” che al “dire” o, in questo caso, allo “scrivere” Ma ci provo, confidando nella Vostra clemenza e pazienza.

Professionalmente parlando, sono nel settore grafico da ancor prima del 3º Mondiale vinto dall’Italia del grande Pablito Rossi con mister Bearzot in panca e l’esultante presidente Pertini a gioire con Re Juan Carlos sulla Tribuna Reale del Santiago Barnabeu di Madrid, ma già da allora giocavo spesso con una vecchia Vöigtlander del mio stra-adorato papà. Passione, questa, che mi sono portato dentro per tantissimi anni, rallentata solamente nel passaggio analogico-digitale quando la pellicola stava andando a scemare ma la digitale era talmente in embrione che una macchina fotografica con un sensore da 2 MP di risoluzione, ai tempi, era all’avanguardia della tecnica.

Mi affascina tutto ciò che è estremamente preciso, veloce e performante, non è un caso che ho frequentato, per anni, il Paddock e i box della F1 di Monza e, più tardi, le piste di Kart con il mio spettacolare CRG Road Rebel 125 TM ICC 6 marce sequenziali, raffreddato ad acqua, mettendo le chiappe a (forse!) 5 mm. dall’asfalto perfettamente gommato dalle Bridgestone YHA da qualifica; colla in pista, godimento nel cuore. Visiera abbassata, al 2º giro… in fondo al dritto in 6ª piena, gas spalancato a 160-180 KM/H, staccatona al limite in 4ª e curvone in piena con le slick in temperatura che non smettevano di fischiare! Che sound! Raga, costole frantumate ma… una figata pazzesca!

Sono una persona alla quale piace imporsi delle sfide e dei traguardi da raggiungere. Nel 2021 ho coronato un sogno che cullavo da parecchi anni; raggiungere i 4.554 mt della Capanna Margherita sulla Punta Gnifetti del “Rosa” per gustarmi un the caldo alle 8.30 del mattino sul rifugio più alto d’Europa con una vista esagerata (!) che andava dal Mar Ligure a tutta la Pianura Padana! Che spettacolo (e quante lacrime di gioia quella mattina del 20 agosto. Ho pianto come un bambino)!!! Altra sfida che mi sono voluto imporre (e superare!) nel 2022 è stata quella di percorrere a piedi ben 12.000 Km. È stata dura, a volte molto dura (un paio di Nike Pegasus non duravano più di 4 mesi e, nonostante queste, spesso le vesciche non mi mollavano per settimane e settimane). Dovevo far conciliare lavoro, impegni e quei 33 KM/giorno da bruciare con qualsiasi condizione meteo fuori ci fosse. Ma il 30.12.2022 ho avuto la gioia di veder scattare la fatidica cifra! Il 31.12 me lo presi poi di meritato riposo… È come se fossi partito il 1º gennaio da Novara per andare a fare un giretto alla Penisola Valdès, nella Terra del Fuoco all’estremo sud…dell’Argentina…a piedi!!!

Ma da buon Pesci quale sono, sono però anche molto affascinato da tutto ciò che è tradizione, antichi mestieri e buon gusto. Tant’è che sto molto bene dietro ai fornelli e, da qualche anno a questa parte, sono un grande appassionato ed artefice/fautore della Pizza Napoletana Contemporanea che di sovente mi diverto a impastare, stendere, guarnire e sfornare dai miei amati forni… Sono sempre alla ricerca continua di nuove tecniche, delle farine più performanti, genuine, profumate e saporite, al pomodoro San Marzano D.O.P. da schiacciare rigorosamente a mano (!), al miglior fior di latte dei Monti Lattari della penisola Sorrentina, al basilico più aromatico che ci sia in zona, all’olio E.V.O. più saporito ma allo stesso tempo delicato per chiudere il topping. Insomma, come si suol dire, m’è partita la scimmia ma… trascorsi quei 90 secondi di cottura intorno ai 380º… va beh, ma che Ve lo dico a fare…?!?! Una goduria!!!

Ops, mi stavo perdendo… sorry! Dicevamo, trascorso il periodo embrionale della fotografia digitale dove le macchine fotografiche erano veramente imbarazzanti, negli anni 2.000 mi ci buttai anima e corpo… e pure portafogli! Cominciai con una Nikon D300 con un sensore da 12 MP che montava un 70-200 4.5-5.6 con la a quale, al suo 4º scatto di vita vinsi il concorso fotografico della De Agostini fotografando lo skyline di Novara con la Cupola di San Gaudenzio, il duomo e il campanile, illuminati durante una fredda e umida notte di fine dicembre del 2008. Tre anni più tardi però il Novara Calcio 1908 la combinò grossa andando a vincere, con un doppio salto di categoria, dapprima la Serie C e successivamente, dopo i play-off, anche la Serie B, approdando così nella massima serie calcistica italiana. Fu da quella indelebile notte che mi appassionai per la Maglia Azzurra e fu proprio quello il momento in cui le due passioni si fusero. Cominciai a chiedere a destra e a manca come poter andare a fotografare la Prima Squadra, quali fossero le regole e i “canali” per arrivarci.

Tra le tante voci che sentii la più sincera e competente fu proprio quella del direttore di questo “nostro” sito che, suo buon cuore, mi prese sotto la sua ala e mi instradò nell’unico modo possibile: entrare a far parte dell’Ordine dei Giornalisti! Al fine dell’ottenimento del Tesserino era però necessario che io pubblicassi delle mie fotografie su una rivista periodica regolarmente registrata e che per queste venissi retribuito. Fu così che, sempre grazie al direttore e all’Ufficio Stampa dell’allora Novara Calcio 1908, cominciai ad occuparmi della Primavera Azzurra affidata alle sapienti mani di Mister Jack Gattuso, che cominciai a fotografare costantemente. Furono anni molto belli, la Primavera volava (!), ogni anno a Jack venivano affidati dei ragazzi che lui, nel giro di un anno, massimo due, ne faceva dei grandi giocatori! Non è un caso che fu proprio Jack a rivoltare come un calzino un ragazzino esile e ribelle di origini portoghesi… Allora scimmiottava un mito portoghese che indossava la maglia rossa dello United, un tale CR7 facendosi chiamare BF32 (il numero di maglia con cui giocava in Primavera). Beh, oggi quel “ragazzino” è sposato, vive a Manchester, ha 2 figli. Ironia della sorte oggi è lui ad indossare la maglia rossa della città in cui vive… la n. 8, quel “ragazzino” di Jack Gattuso è uno dei più forti centrocampisti al mondo, quel “ragazzino” si chiama Bruno Fernandes! Oltre a Bruno in quegli anni conobbi tanti grandi giocatori che oggi militano tra Serie A e B, da Paolino Faragò a Lorenzo Montipò, da Cecco Vicari a Lollo Dickmann, da Marco Bellich a Davide Bove, da Ricky Collodel a Pippo Nardi, da Moutir Chajia a Nicolas Fonseca, ecc.

Gli anni volano… il Tesserino è finalmente e gelosamente nel mio taschino e le reflex si evolvono… Dalla D300 passo all’ammiraglia di allora, la Nikon D4 con un sensore da 16,4 MP e ottiche professionali f.2.8, successivamente alla D5 con sensore da 24 MP per poi arrivare, a settembre dello scorso anno, a giocare con la Mirrorless più evoluta e potente sul mercato delle macchine fotografiche digitali, la nuovissima ammiraglia Nikon Z9; una macchina rivoluzionaria con un sensore da oltre 45 MP (roba da mettere K.O. il mio Mac), una vera e propria bomba!!! Una macchina che mi dà enormi soddisfazioni, che mi permette di andare oltre i limiti, una macchina che mi asseconda perfettamente nell’idea che io mi son fatto del risultato prima di eseguire uno scatto. Sì, perché le foto, in particolar modo quelle… difficili” o inconsuete, io me le studio, me le immagino, le imposto, quasi sempre notte tempo… e quando vado a realizzare lo scatto, devo solo portare a casa il risultato, posizionando la macchina e illuminare il sensore per una manciata di millesimi di secondo o, talvolta, parecchi secondi perché tanto… tutto è già “scritto” nella mia testa.

Forse non Ve l’ho detto ma quando ho le mie Nikon tra le mani… sono felice, come un bambino!!! Ecco, questo sono io, un Pesci dagli azzurri confusi… Vi abbraccio e ci vediamo presto, quasi sicuramente, sul sensore delle mie Nikon!

Buona luce a tutti!

Per scrivere direttamente a lui mandare una mail a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 


La nascita del Novara FC


Sito ufficiale Lega Pro

Cerca nel sito...
Sondaggio
Come giudichi la stagione 2023-24 del Novara FC?
 
Storico Articoli