gototopgototop
News
Rivoluzione Coppa Italia: niente più club di Serie C e D Rivoluzione Coppa Italia: niente più club di Serie C e D Dalla prossima stagione, 2021-2022, cambierà il ...
Statistiche finali stagione 2020-2021 Statistiche finali stagione 2020-2021 Di Giovanni Chiorazzi Sono on-line le s...
L’obiettivo sul campo di G. Leonardi: Novara-Como L’obiettivo sul campo di G. Leonardi: Novara-Como Di redazione vanovarava.it Per gentile ...
Volley Novara, la vittoria contro Altiora di buon auspicio... Volley Novara, la vittoria contro Altiora di buon auspicio... Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Libertas Novara: 15 medaglie per gli “Esordienti” Libertas Novara: 15 medaglie per gli “Esordienti” Pubblichiamo integralmente il comunicato, pervenu...

Classifica 2020/2021

Sondaggio
La fine della stagione 2020-2021 per il Novara Calcio rappresenta:
 

Prima conferenza stampa per Alborno

Di redazione vanovarava.it

A fare gli onori di casa e presentare ufficialmente alla Stampa il centrocampista paraguaiano Rodrigo Alborno (nella foto), è il DS azzurro Cristiano Giaretta. “Siamo molto contenti che la trattativa si sia conclusa positivamente – ha esordito Giaretta – Alborno giunge con la formula del prestito con diritto di riscatto e controriscatto. Le sue qualità gli hanno permesso di esordire nella massima serie del suo paese all’età di soli 16 anni. Da noi Alborno ha giocato nel campionato Primavera con la maglia dell’Inter, facendo intravedere buone cose”.

La parola passa poi al giocatore, che fa una breve presentazione di sé stesso. “La mia qualità più spiccata è la velocità. Mi adatto bene alla zona centrale del campo, posso migliorare ancora nel pressing e nella fase offensiva. Con il Novara avrò modo di perfezionare il mio stile. Per me è un onore far parte di questo progetto. Dal mio punto di vista non è fondamentale segnare, mi piace mettere i miei compagni in condizione di farlo. Lo reputo altrettanto importante”.

Assieme ad Alborno, in questa stagione, sono giunti tanti altri giovani in prestito dalle tre grandi del calcio italiano, Juventus, Milan e Inter. I giornalisti chiedono al giocatore se potrebbe nascere qualche contrasto legato a questo aspetto. “No, nessuna rivalità, ci mancherebbe. Oggi siamo tutti dalla stessa parte e dobbiamo essere uniti. Insieme potremmo fare tante belle cose e toglierci qualche soddisfazione. Il modello a cui mi ispiro è quello di Javier Zanetti, una persona fantastica sia in campo che fuori”.

Ad Alborno viene chiesto se si aspetta di giocare con regolarità in maglia azzurra fin dalle prime battute. “Ho cominciato ora ad entrare nell’ambiente. E’ ancora presto per poterlo dire. Per adesso ho parlato con il mister che mi ha fatto subito sentire a mio agio. Sono  contento di essere a Novara, è una società cresciuta tantissimo in pochi anni, con persone serie e motivate. Inoltre ha come obiettivo quello di tornare subito a grandi livelli”.

Il DS Giaretta precisa come l’arrivo di Alborno confermi la volontà della dirigenza di ringiovanire la rosa. “Ringiovanire, ma inserendo innesti mirati e di qualità che non facciano sentire la mancanza dei precedenti giocatori. E’ da molto che lavoriamo su questo aspetto e in qualche caso la programmazione ci ha premiato”.

Rodrigo Alborno è consapevole del “progetto Novara”: “Lavorare con un obiettivo è importante. Mi serve da stimolo per cercare di migliorarmi e poi la voglia di tornare subito in Serie A è tanta”.

Con l’occasione di questa conferenza, i giornalisti ne approfittano per fare qualche domanda a Giaretta in chiave mercato: “Paci potrebbe andar via a breve, dobbiamo però prima cercare un valido sostituto. Per Lisuzzo è ancora tutto fermo, sappiamo che ci sono delle società interessate a lui ma ancora non ne abbiamo parlato. Stiamo trattando il suo rinnovo. Rigoni ad oggi è un giocatore del Novara e ci seguirà in ritiro. Se una delle trattative in corso dovesse subire uno sviluppo importante valuteremo la circostanza. Nella giornata di oggi si aggregherà in prova alla squadra Barusso. Valuteremo assieme a Tesser un suo possibile ingaggio. Su Giandonato si è detto molto. Attualmente la trattativa è ferma, però non è detto che resti tale. Motta resta il nostro trequartista, mentre Pinardi verrà ceduto”.

Sul giocatore che più voci hanno già accostato al Novara, ovvero Adrian Ricchiuti dal Catania, Giaretta si esprime in modo molto significativo: “Non è un giocatore di nostro interesse”… ma la risposta sembra più motivata dal fatto che non si siano raggiunti i dettagli economici della trattativa.

Il Novara continua dunque la sua rivoluzione nell’organico, con il sentore che possano a breve giungere altre importanti ufficializzazioni. Nel frattempo Tesser comincia a prendere visione della nuova rosa, dove figurano tanti giovani di valore. Forse, a questo punto, le scelte societarie si indirizzeranno su qualche elemento con un pizzico di esperienza in più, fondamentale per la categoria.

redazione vanovarava.it

 

La maglia azzurra 2020-21

Storico Articoli