gototopgototop
News
DS Ludi: vicina la conferma di un addio con il Novara Calcio DS Ludi: vicina la conferma di un addio con il Novara Calcio Di redazione vanovarava.it Soltanto lo scorso...
Il punto della 31a Giornata Il punto della 31a Giornata Di redazione vanovarava.it ...
Le foto di Igor Novara-Unet E-Work Busto Arsizio Le foto di Igor Novara-Unet E-Work Busto Arsizio Sono on-line le foto relative all’ultima partita d...
Azzurra Hockey Novara: netta sconfitta a Correggio Azzurra Hockey Novara: netta sconfitta a Correggio Di Flavio Bosetti Sconfitta di larghe propor...
La fotogallery di Novara-Cuneo La fotogallery di Novara-Cuneo Di redazione vanovarava.it ...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita del
Novara Calcio

Sito ufficiale Lega Pro
Sondaggio
Al termine del mercato invernale sei soddisfatto di come ha operato la società Novara Calcio?
 

Novara - Pistoiese 1-1


Di Giovanni Chiorazzi

Foto © Guido Leonardi

Tanta malinconia e anche un pizzico di rassegnazione sono sopraggiunti al termine di Novara-Pistoiese, ennesimo triste epilogo di una stagione ormai considerata dai più di transizione. A preoccupare infatti non è tanto il risultato in sé, ma una prestazione incolore che fa seguito a quella altrettanto “anonima” di mercoledì scorso contro la Pro Patria. Poco, davvero pochissimo gioco nella prestazione offerta dagli azzurri, che nel computo delle occasioni avute per aggiudicarsi la sfida escono anche sconfitti, contro un avversario al quale non sarà parso vero di poter godere di tanta arrendevolezza da parte dei padroni di casa. Ne consegue a questo punto che le strade fra il Novara Calcio e il tecnico William Viali, pesantemente contestato dal pubblico del “Piola” per i consueti cambi operati dalla panchina, possano a breve dividersi… In queste ore, infatti, la società azzurra, con il DS Ludi in testa (ovvero colui che ha scelto Viali sin dallinizio), sta effettuando tutte le valutazioni del caso che - ad ogni modo - non modificheranno la situazione attuale venutasi a creare dopo un filotto di cinque partite senza vittorie e con due prestazioni, le ultime in calendario, che fanno preoccupare non poco per il proseguo della stagione.
A pesare sul piatto della bilancia un approccio totalmente sbagliato alla sfida, con un inizio sottotono da parte di entrambe le formazioni e nel quale si è anche accanita la sfortuna, visto l’infortunio occorso a Gonzalez che ha costretto l’argentino ad abbandonare in anticipo la gara. Neppure con il passare dei minuti il Novara ha saputo impiegare in campo quel cinismo e quella cattiveria agonistica che, soltanto due gar
e prima contro la Carrarese, si erano quantomeno intraviste in un gioco pur confusionario e troppo spesso basato sulle giocate dei singoli… Circostanza, quest’ultima, che si è rivista in modo decisamente netto contro la Pistoiese, quando nell’incapacità di arrivare al tiro ci si è spesso affidati ad azioni personali, finendo sistematicamente per perdere efficacia nelle proprie avanzate. Il gol subito alla fine del primo tempo ha poi contributo ad aumentare le difficoltà di una squadra che sembra aver perso consistenza anche nel reparto arretrato, ad un certo punto della stagione divenuto il punto di forza della squadra e che ora invece accusa in particolare la mancanza di un gioco ben definito, vero cruccio di un Novara al quale non sono bastati molteplici esperimenti per trovare un’intesa fra i reparti e quell’amalgama necessaria per agevolare gli automatismi. Una situazione, quella attuale, dove una buona parte di responsabilità è da attribuire al prolungato impiego di tanti azzurri in ruoli non appropriati, condizione verificatasi anche contro la Pistoiese, in particolare nella ripresa quando sono saltati ben prima del consueto tutti gli schemi ed è emersa una disorganizzazione in campo senza dubbio poco incline alle squadre con ambizioni di prestigio.
Il gol siglato da Eusepi a inizio ripresa e un paio di interventi miracolosi di Di Gregorio, hanno evitato conseguenze ancora più drastiche a livello emotivo, ma non possono sicuramente cancellare l’ennesima prova di maturità fallita da un gruppo che - in questo momento - sembra quasi aver staccato la spina con largo anticipo.
Se il fattore psicologico per un momento di oggettiva difficoltà può aver influito, a destare non poche perplessità è l’inversione di tendenza di alcuni giocatori che sembrano solo la brutta copia di qualche prestazione precedente: su tutti preferiamo indicarne tre, ma non per caricarli di responsabilità (che al contrario restano da spartire fra tutti gli attori principali) bensì perché sintetizzano nel migliore dei modi le problematiche attuali: la scarsa determinazione di Cacia, subentrato in campo nella ripresa e dal quale ci si sarebbe attesi una prestazione più combattività; la poca brillantezza di Buzzegoli, questa volta parso anche lui fuori dal coro nonostante le tante aspettative in lui riposte e l’inconcludenza di Perrulli, altro rinforzo sul quale la società ha puntato molto per questo rush finale, sono segnali tangibili che anche a livello societario sia necessario un intervento per far sentire la propria vicinanza all’ambiente. Perché sebbene in molti al “Piola” abbiano ipotizzato che qualche giocatore potesse remare contro il tecnico Viali, la sensazione resta invece più quella di una squadra allo sbando, in balia di un mare in tempesta dove per prima cosa è necessario ordinare le idee. Ecco perché, a prescindere dal risultato scaturito contro la compagine toscana, pensiamo che sia diventato necessario operare un cambio sulla panchina azzurra per il bene del Novara e della piazza, mai entrata in piena sintonia con un tecnico, Viali, il più delle volte troppo ostinato nel proprio credo calcistico da non accorgersi delle enormi potenzialità a disposizione.
Ai tifosi azzurri non resta dunque che attendere le decisioni della società, che dopo un buon sonno ristoratore potrebbe decidere di manifestare quel coraggio più volte venuto meno in campo agli azzurri e al tecnico Viali, che restano tuttavia colpevoli sullo stesso piano. La sfida in calendario con la Pro Piacenza fra una settimana (per l’ennesima questione che riempie di ridicolo il calcio nostrano agli occhi di tutti), potrebbe agevolare quel passaggio di transizione in panchina, per permettere ai giocatori di assimilare i nuovi concetti sui quali fare affidamento da qui al termine del campionato. Ma l’importante, in ogni caso, è agire con tempestività per non perdere ulteriore tempo.

Giovanni Chiorazzi
Foto © Guido Leonardi

NOVARA: Di Gregorio; Tartaglia, Rigione (dal 13'st Sbraga), Bove, Visconti; Nardi (dal 13'st Bianchi), Buzzegoli, Bastoni; Gonzalez (dal 18'pt Perrulli), Schiavi (dal 26'st Cacia); Eusepi.
A disposizione: Benedettini; Marricchi; Cinaglia, Zappa, Ronaldo, Mallamo, Fonseca, Stoppa.
Allenatore: William Viali.


PISTOIESE: Pagnini; El Kaouakibi, Dossena, Ceccarelli, Cagnano; Regoli (dal 1'st Terigi), Picchi (dal 17'st Momentè), Vitiello (dal 26'st Petermann), Luperini; Fantacci (dal 38'st Tartaglione), Fanucchi (dal 26'st Forte).
A disposizione: Meli; Romagnoli; Sallustio, Cellini, Llamas.
Allenatore: Antonino Asta.

Arbitro: Sig. Ermanno Feliciani della sezione di Teramo.
Assistenti: Sigg. Francesco Ciancaglini (sezione di Vasto) e la Sig.ra Francesca Di Monte (sezione di Chieti).

Marcatori: 38'pt Luperini (P), 4'st Eusepi (N).

Ammonizioni: Eusepi per il Novara; Cagnano per la Pistoiese.

Espulsioni: nessuna.

Calci d’angolo: 2 per il Novara; 8 per la Pistoiese.

Recupero: 2'pt; 4'st.

Spettatori: 2.785 totali di cui 477 paganti e 2.308 abbonati. Incasso di euro 10.254,10 (quota abbonati di euro 7.308,10).

Note: pomeriggio soleggiato e senza nuvole, terreno sintetico in buone condizioni, temperature al di sopra della media stagionale.

Cronaca:
Per la gara dove è in gioco il destino di mister Viali sulla panchina azzurra, il tecnico opta per una riconferma nel consueto schema di gioco, proponendo però questa volta come terminale offensivo Eusepi e non Cacia (in panchina) e schierando Gonzalez e Schiavi come trequartisti. In difesa spazio a Rigione dal primo minuto per la prima volta in questa stagione.

Al 6' Bove da centro area prova a incornare senza trovare la porta. 10' Dossena chiude in anticipo su Buzzegoli. 15' Da una errata ripartenza nasce un’ottima azione del Novara con tiro finale di Visconti alto. Un minuto dopo, è Gonzalez a provarci dalla distanza ma il tiro è debole. L’argentino si fa anche male nel calciare. 17' Brivido nell’area del Novara su traversone di Cagnano, che scappa a Visconti. Al posto di Gonzalez, Viali si gioca la carta Perrulli. 27' Fanucchi si libera sulla trequarti, prova il tiro che esce abbondantemente. 32' Eusepi raccoglie un invito a centro area su un cross dalla sinistra ma la conclusione si perde sul fondo. 38' La Pistoiese passa in vantaggio: Luperini porta avanti i toscani raccogliendo un cross di Regoli dalla destra. Gli azzurri subiscono il contraccolpo mentre dagli spalti si alzano le prime contestazioni all’indirizzo della squadra e di mister Viali. 42' Tiro di Picchi da fuori, palla sul fondo. Dopo due minuti di recupero si va all’intervallo con la Pistoiese in vantaggio.

Il Novara sfrutta nel migliore dei modi la prima azione del secondo tempo: Eusepi trova il pareggio con un colpo di testa su cross dalla destra di Nardi. 7' Di Gregorio si supera su Luperini che si presenta davanti al portiere azzurro, ottima l’uscita a sventare il pericolo. Nardi e Rigione lasciano il posto a Bianchi e Sbraga, fischi dal pubblico per l’uscita del centrocampista azzurro autore di una bella prestazione sino ad allora. 19' Strepitosa azione di Dossena che si libera palla al piede prima di far partire un gran tiro che Di Gregorio devia in angolo con una grande parata. 29' Cacia, appena entrato, raccoglie un pallone invitante ma calcia sul fondo. 30' Pericoloso contropiede ospite con Forte che giunge al tiro, si rifugia in angolo la difesa azzurra. 36' El Kaouakibi tocca il pallone platealmente con la mano, l’arbitro non solo non ammonisce il giocatore toscano ma sanziona con il giallo Eusepi accorso per protestare. 40' Momentè sferra un gran tiro che esce alto di pochissimo. Allo scadere esatto della frazione, gran contropiede di Tartaglione per la testa di Luperini. Il Novara si salva in angolo.

La gara finisce sull’1-1 e i tifosi azzurri devono accontentarsi ancora una volta di una prestazione mediocre, che molto probabilmente segnerà l’addio sulla panchina di mister Viali. Ma la stagione prosegue e la dirigenza del Novara dovrà prendere una decisione al riguardo, per cercare in extremis di riportarsi in carreggiata e giocarsi tutte le proprie carte in questo finale di campionato.

redazione vanovarava.it

 

La maglia azzurra 2018-19

Storico Articoli