gototopgototop
News
Buona Pasqua a tutti! Buona Pasqua a tutti! Tanti auguri di una serena Pasqua a tutti gli ut...
Igor Novara: con Scandicci la serie torna in parità Igor Novara: con Scandicci la serie torna in parità Pubblichiamo integralmente il testo del comunicat...
Voce dei Tifosi: Olbia-Novara Voce dei Tifosi: Olbia-Novara Di Luca Perino Vaiga Il Novara ottiene tre pu...
Le voci dallo spogliatoio: Olbia-Novara Le voci dallo spogliatoio: Olbia-Novara Di redazione vanovarava.it Mister Sannino (ne...
Olbia - Novara 1-2 Olbia - Novara 1-2 Di Giovanni Chiorazzi Foto © novaracalcio.com ...
Le pagelle di Olbia-Novara Le pagelle di Olbia-Novara Di Fabio Fornari DI GREGORIO: VOTO 6Partita non ...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita del
Novara Calcio

Sito ufficiale Lega Pro
Sondaggio
Al termine del mercato invernale sei soddisfatto di come ha operato la società Novara Calcio?
 

Conferenza stampa pre Lazio-Novara (C. Italia)


Di redazione vanovarava.it

A poche ore dalla sfida che vedrà il Novara “ospite” della Lazio allo stadio “Olimpico”, nella gara valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia, è intervenuto in conferenza stampa mister Viali (nella foto), molto obiettivo nella sua analisi pre-partita.

Per il Novara, la sfida contro la Lazio, può dirsi un regalo nel corso della propria stagione… “E’ sicuramente un premio perché, comunque, per i ragazzi arrivare a giocarsi una partita contro un avversario così importante - la quarta attualmente nella classifica di Serie A e in uno stadio così affascinante - è una grossa soddisfazione. Auguro ai ragazzi che possa succedere loro anche più di una volta, ma non è così semplice… Questo deve dare l’idea alla squadra di quanto sia importante questa avventura. Siamo consapevoli che la determinante saranno loro, però al tempo stesso sappiamo che se non scenderemo in campo determinati e convinti di poter fare qualcosa di eccezionale, non potremmo sfruttare quel poco che eventualmente loro potrebbero concederci”.

Anche per mister Viali, la sfida con la Lazio rappresenta una bella soddisfazione… “Sicuramente a inizio stagione non ci pensavo proprio… E’ una circostanza affascinante anche per me, che torno in uno stadio dove ho vissuto tante esperienze belle. Ma viverle da allenatore è completamente diverso, anche perché da giocatore - dopo la prima volta - diventa una normalità, mentre da tecnico non è scontato che possa ripetersi questa condizione”.

C’è il timore di fare una pessima figura, oppure di arrivare a un traguardo come quello dell’Alessandria un anno fa? “Io domani voglio vedere una squadra che ambisca a qualcosa di incredibile. Perché solo questo atteggiamento può portare a raccogliere un successo. In campo la mia squadra dovrà mostrare coraggio ed entusiasmo per fare qualcosa di bello. Quella con la Lazio dev’essere vissuta come un’occasione, con la consapevolezza che dovremmo sperare che loro non siano al 100%. A mio avviso incontriamo la squadra più fisica di tutta la Serie A, la Lazio è anche la squadra che ha fatto più gol da calcio d’angolo, pertanto dovremo essere bravi a concedere il meno possibile da calci piazzati e limitare al massimo gli spazi in profondità perché possono vantare su una ripartenza micidiale”.

Una buona prestazione in Coppa potrebbe essere un buon viatico anche per il cammino in campionato… “Credo di sì, anche se questa è onestamente una partita a sé perché - se guardo al nostro campionato - la squadra è in un momento positivo, di grande convinzione. Quindi credo che sotto questo punto di vista dovremmo dare ugualmente continuità. E’ chiaro che fare qualcosa di particolare con la Lazio vorrebbe dire aumentare ancor di più la propria autostima, ciò che è mancato nella prima parte della stagione e che la squadra è stata brava a trovare strada facendo”.

Così come Viali, anche mister Inzaghi - tecnico della Lazio - è stato al centro di critiche ad un certo punto della stagione… “Non ci ho pensato, è chiaro che potrebbe essere vista come una situazione similare, ma da tecnici capitano spesso questo tipo di circostanze. Forse da loro, venendo da una stagione scorsa straordinaria, c’era grandissima attesa e magari qualche risultato inatteso ha portato a qualche critica in più… Però ricordiamo che sono quarti in classifica e stanno facendo un ottimo campionato”.

Questa partita potrebbe avere ripercussioni negative legate ad un dispendio eccessivo di energie? “Non credo, perché questa partita arriva alla fine di una settimana che è coincisa con la ripresa delle attività e questo ci può solo aiutare a rimetterci in pista, soprattutto sul piano psicologico, per la prossima partita di Chiavari contro l’Albissola”.

Cacia non figura tra i convocati per la sfida con la Lazio… “E’ solo a scopo precauzionale per quello che è il nostro obiettivo principale, che resta il campionato. Nelle ultime partite di campionato, Cacia si è sacrificato scendendo in campo nonostante qualche fastidio e in questa sosta è rimasto inattivo rispetto ai compagni. Alla ripresa abbiamo optato assieme per non sovraccaricarlo e si è allenato a parte. Lui, da grande giocatore qual è, non ha pensato alla partita con la Lazio ma si è preoccupato della partita con l’Albissola. Questo rende molto l’idea di quale obiettivo abbia ben focalizzato in testa un giocatore come Cacia”.

Cosa si aspetta Viali dal girone di ritorno, alla luce degli arrivi di Buzzegoli e Gonzalez? “Mi aspetto il salto di qualità per quanto riguarda il determinare i risultati. La squadra ha mostrato di avere grandi doti, con 13 risultati utili consecutivi, ma in certi momenti importanti è mancato qualcosa. Quello che ci ha penalizzato nel girone di andata è stato il rapporto fra “occasioni costruite-gol fatti” e “occasioni concesse e gol subiti”. E’ una questione di mentalità prima che di uomini”.

Buzzegoli e Gonzalez cosa porteranno in dote alla squadra? “Sono due giocatori diversi. Gonzalez è prettamente un leader tecnico, che ci può offrire una soluzione offensiva che sino ad oggi non avevamo, ovvero il gioco profondo e la conclusione da lontano. Buzzegoli, invece, può aiutare la squadra sul profilo della mentalità e penso possa gestire, direttamente sul campo e nello spogliatoio, i compagni”.

Buzzegoli potrebbe giocare uno spezzone di gara con la Lazio? “Potrebbe, sta abbastanza bene. Dipenderà anche da come si metterà la sfida, potendo arrivare anche ai supplementari”.

Non sarà presente neppure Tartaglia perché squalificato… “Sì, è squalificato così come Gonzalez. Di Cacia abbiamo parlato, mentre Bianchi e Peralta non sono disponibili. In particolare, Peralta soffre ancora del suo problema al polpaccio. Sbraga è rientrato in gruppo e sotto l’aspetto fisico sta bene. Nella settimana di sosta si è allenato e quindi, pur non avendo la condizione per la gara, è a disposizione”.

Chi giocherà in porta? “Giocherà Benedettini, come ha sempre fatto in Coppa Italia, per poi ripartire in campionato con la nostra consueta gerarchia”.

Tra i convocati? “In difesa avrò Cinaglia, Chiosa, Bove e Visconti; ho un dubbio a metà campo, uno sulla mezzala e uno in attacco. Sicuramente in fase offensiva giocherà Eusepi come centravanti al posto di Cacia”.

Nella Lazio, sorvegliato speciale dovrà essere Immobile… “Lui è un giocatore che non deve prendere velocità, deve essere fermato subito perché se può dialogare e accelerare diventa imprendibile. Ho detto ai miei difensori che meno stiamo in area di rigore è meglio è… Sappiamo che in certi momenti ci schiacceranno e lì dovremo lavorare sulla densità”.

redazione vanovarava.it

 

La maglia azzurra 2018-19

Storico Articoli