gototopgototop
News
Giudice Sportivo 15a giornata Giudice Sportivo 15a giornata Di redazione vanovarava.it ...
La fotogallery di Novara-Lucchese La fotogallery di Novara-Lucchese Di redazione vanovarava.it ...
Statistiche azzurre alla 15a giornata Statistiche azzurre alla 15a giornata Di Giovanni Chiorazzi Sono on-line le statistiche ...
Lazio-Novara anticipata a sabato 12 gennaio 2019 Lazio-Novara anticipata a sabato 12 gennaio 2019 Di redazione vanovarava.it Con un apposito co...
Designazioni Arbitrali Alessandria-Novara Designazioni Arbitrali Alessandria-Novara Di redazione vanovarava.it La gara Alessandri...
Berretti Novara: vittoria della capolista Atalanta di misura Berretti Novara: vittoria della capolista Atalanta di misura Di redazione vanovarava.it Foto © Dino Lo Curto ...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio
Sito ufficiale Lega Pro
Sondaggio
Da cosa sono dovute le difficoltà del Novara in questa stagione?
 

La formazione di V.Entella-Novara


Di redazione vanovarava.it

Contro la Virtus Entella gli azzurri (per l’occasione in maglia nera) sono tornati a disputare una prestazione eccellente, come quelle vittoriose in casa di Piacenza e Pistoiese. Senza abbandonare il consueto 4-3-1-2 iniziale, nonostante le assenze di Sbraga, Stoppa, Ronaldo (squalificato) e con Cacia costretto a partire dalla panchina per una condizione non al top, il Novara ha saputo tenere testa all’avversario impostando il proprio gioco e risultando più reattivo sin dalla prima frazione di gioco, grazie anche all’impostazione di entrambe le squadre che ha permesso di affrontarsi a viso aperto.

Davanti a Di Gregorio, poco impegnato ma ugualmente prezioso in un’uscita su un avversario, la difesa si è composta di Chiosa e Bove al centro (quest’ultimo non solo autore del gol che ha regalato il pareggio al Novara a pochi minuti dalla fine, ma sempre più punto cardine della compagine azzurra con una prova tutta grinta e determinazione), mentre sulle fasce hanno trovato spazio Cinaglia e Visconti, entrambi parsi reattivi e tornati a spingere in maniera adeguata sulle fasce con un buon numero di palle messe al centro.

Tuttavia è a centrocampo che Viali si è giocato il suo “jolly”, ovvero un giocatore (appena ventenne) che sino ad oggi non era mai sceso in campo, neppure per un minuto: al posto di Ronaldo, infatti, è stato proposto al centro della mediana il giovane Nicolas Fonseca, figlio d’arte del più famoso papà Daniel, giocatore di Cagliari, Napoli, Roma e Juventus… una mossa rivelatasi vincente perché il centrocampista - che lo scorso anno si tolse la soddisfazione di vincere il campionato Primavera 2 con la maglia del Novara - è risultato fondamentale sia in fase di contenimento che in quella di impostazione, affiancato per l’occasione da Bianchi e Schiavi che si sono mossi bene e hanno in questo modo agevolato il compito di Fonseca.

In attacco, almeno sino a quando il modulo azzurro è rimasto equilibrato, Mallamo è partito in veste di trequartista, dietro alla coppia Eusepi-Manconi, con il primo autore di una partita sanguigna e che - al netto dei tanti errori arbitrali - avrebbe potuto regalare anche la gioia di un gol all’attaccante azzurro, mentre il secondo è stato bravo a restare sempre al centro dell’azione e a provarci con un paio di conclusioni che avrebbero meritato maggior fortuna.

Nella ripresa, con Viali costretto ad apportare modifiche drastiche nel tentativo di giungere al pareggio, arrivando finanche ad un azzardato 4-2-4 nei minuti finali, gli ingressi di Cacia e Cattaneo (rispettivamente per Schiavi e Fonseca) hanno dato ancora più slancio alle offensive del Novara, che ha trovato meritatamente il gol con Bove (andato vicino alla marcatura anche nelle precedenti gare), con una novità: una rete giunta finalmente da palla inattiva, più precisamente dalla battuta di un corner. Peccato per l’ultima occasione della sfida capitata sui piedi di Cacia, dove l’attaccante ha recriminato a lungo per un contatto in area prima della conclusione, anche se gli errori arbitrali subiti dal Novara in precedenza sono parsi ancora più netti di quell’ultimo episodio (non da meno lespulsione proprio di Bove a cinque minuti dalla fine).

Un pareggio che soddisfa solo in parte il Novara, ma che resta di buon auspicio per il futuro e una base di partenza dalla quale ripartire per invertire la rotta di questa travagliata stagione.

redazione vanovarava.it

 

La maglia azzurra 2018-19

Storico Articoli