gototopgototop
News
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio

Sondaggio
Dove pensi possa arrivare il Novara Calcio al termine della stagione 2020-2021?
 

L’intervista a Francesca Gallina


Di Alberto Battimo

La stagione sciistica dello snowboard cross sta per entrare nel vivo… a dicembre si partirà con la prima tappa della Coppa del Mondo. Tra i tanti protagonisti della Nazionale italiana spicca una nostra atleta, originaria di Novara. Nel corso di questi ultimi mesi ha avuto modo di riprendersi da un infortunio e di esaminare con attenzione la scorsa stagione per ottimizzare ancor di più le sue qualità. Da quello che si evince in queste settimane, l’ottimismo regna sovrano: i risultati degli allenamenti sono incoraggianti e, mentalmente, è grande la sua voglia di diventare protagonista. Gli stimoli e le motivazioni ci sono, si attendono le gare ufficiali per capire il vero livello raggiunto, con un piccolo pensiero alle prossime Olimpiadi cinesi. Lei è… Francesca Gallina.

Dopo la stagione passata, piena di soddisfazioni e impreziosita con la partecipazione alle ultime Olimpiadi, riparti per vivere una nuova avventura con lo snowboard cross. In queste settimane, assieme ai tuoi compagni di Nazionale, stai prendendo parte alla preparazione per la prima tappa della Coppa del Mondo che vi vedrà impegnate in Austria, il 12 dicembre. Come ti stai preparando a questa gara e quali sono le tue aspettative? “Abbiamo iniziato la prima parte della stagione allo Stelvio nei mesi di settembre e ottobre, ora ci troviamo a Cervinia e siamo già ad un buon punto della preparazione. Stiamo lavorando bene e il meteo in questo senso ci sta aiutando molto, la neve ci permette di creare sempre nuove piste in modo da metterci alla prova in tante possibili condizioni… stiamo sfruttando al meglio tutti i giorni di allenamento e questo aspetto non è così scontato, ci è capitato in passato che le condizioni meteorologiche non ci venissero incontro. Personalmente mi sento bene fisicamente, sono molto concentrata e le prestazioni durante gli allenamenti sono confortanti. Adesso sto solo aspettando che inizino le gare; analizzando solo le prestazioni ufficiali riuscirò a farmi un’idea concreta sul mio andamento”.

La tappa austriaca sarà la prima di una lunga serie di gare e competizioni che ti vedranno protagonista fino a marzo dell’anno prossimo. All’inizio di una stagione si cerca sempre di impostare degli obiettivi per programmare nel giusto modo l’intera preparazione stagionale. Quali scopi ti sei prefissata di raggiungere per poterti ritenere soddisfatta alla fine di questa stagione? “Innanzitutto sarà importante cercare di mantenere un’alta continuità di rendimento, cercherò di qualificarmi nelle varie gare… purtroppo, la stagione scorsa non ci sono sempre riuscita e già da questa stagione voglio migliorarmi sotto questo aspetto. Altro obiettivo stagionale è quello di riuscire a rimanere sempre nelle prime otto posizioni delle varie tappe della Coppa del Mondo e nelle prime dodici ai Mondiali. Questi sono i miei propositi per questa stagione e speriamo di riuscire nell’intento”.

Nell’ultima intervista rilasciata al nostro sito, dopo la sfortunata esperienza alle Olimpiadi, avevi dichiarato di aver smaltito la delusione ed eri già carica con tanta voglia di un pronto riscatto. Come stai affrontando questo nuovo inizio sotto il profilo mentale - e anche fisico - visto che hai concluso l’ultima parte della scorsa stagione non al meglio, causa un dolore al ginocchio destro? “Il tempo è stato dalla mia parte, ho avuto modo di sfruttare i mesi precedenti all’inizio di questa stagione per impostare un programma ad hoc per recuperare da questo fastidio al ginocchio e ripartire nel pieno delle mie capacità. Insieme al mio preparatore abbiamo impostato la giusta tabella di marcia, in estate abbiamo lavorato molto e devo dire che i risultati si stanno vedendo perché mi sento bene fisicamente e non ho avvertito nessun fastidio da quando abbiamo cominciato questa nuova stagione. A livello mentale ho tanta voglia di gareggiare… ho avuto modo di analizzare la scorsa stagione, ho fatto le mie esperienze, mi sono creata dei feedback e ora non vedo l’ora di cominciare questa Coppa del Mondo con più esperienza alle spalle, che potrà solo farmi crescere e migliorare”.

Entriamo nei dettagli di questa disciplina… hai già dimostrato di poter dire la tua in passato ma si cerca sempre di migliorare per ottenere soddisfazioni sempre più grandi. Insieme all’allenatore, quali sono gli aspetti tecnici su cui state lavorando maggiormente? Quale caratteristica pensi che ti contraddistingua e che non dovrà mancare per riuscire a gareggiare per le posizioni di vertice? “Insieme al mio allenatore stiamo lavorato tanto sulle curve, è una parte del mio bagaglio tecnico da perfezionare e osservando i video dei miei allenamenti posso affermare che sto facendo dei passi avanti. Ovviamente anche le più forti miglioreranno sempre di più, io ho la fortuna di allenarmi probabilmente con l’atleta più forte del nostro sport, sto parlando di Michela Moioli. È un punto di riferimento importante e averla in squadra mi consente di carpire tanti segreti e imparare di conseguenza. La mia peculiarità che mi contraddistingue è sicuramente la partenza, sono consapevole di essere molto forte… personalmente partire con il piede giusto significa aver già fatto un passo importante per le sorti della gara”.

Essere parte di una squadra composta da altre grandi atlete ti permette di confrontarti al meglio e valutare in dettaglio il livello di competitività. Allenarsi tutti i giorni con Sofia Belingheri, Raffaella Brutto e la campionessa olimpica - nonché la vincitrice dell’ultima Coppa del Mondo - Michela Moioli, è un privilegio che solo poche altre nazioni possono vantare. Come ti trovi ad allenarti con loro? Di quale consiglio ricevuto stai facendo tesoro? Cosa pensi di aver trasmesso alle tue compagne di squadra? “Far parte di una squadra composta da compagne di squadra di assoluto valore è un grande stimolo. Ogni volta che sono pronta ad iniziare l’allenamento parto già con la consapevolezza che mi devo impegnare molto ed essere sempre concentrata per riuscire a stare sui loro livelli o comunque avvicinarmi alle prestazioni di Michela Moioli e non solo. Quando cronometriamo le nostre gare siamo molto vicine con i tempi e questo ci sprona sempre a fare del nostro meglio.
Uno dei consigli di cui sto facendo più tesoro è quello di rimanere concentrata su me stessa… certe volte mi perdo un po’ troppo nell’analizzare le caratteristiche di una certa pista e nel valutare i pro e i contro dei fattori ambientali che potrebbero incidere sulla mia prestazione… la cosa più importante è pensare alla mia gara e alle mie qualità, questo è quello che tutte mi hanno detto e che sto cercando di seguire alla lettera.
Invece penso di aver trasmesso alle mie compagne di squadra la loro preoccupazione nei miei confronti perché quest’anno sto andando forte
(ride, N.d.R.).

Le prossime Olimpiadi invernali si terranno a Pechino nel 2022… è questo il tuo grande obiettivo da atleta? “Si, ammetto che un po’ ci sto già pensando. Chiaro che la programmazione si faccia pensando stagione per stagione, però questo è il primo anno del quadriennio olimpico e tutto quello che inizia dal 12 dicembre in poi sarà un piccolo passo verso le prossime Olimpiadi. In questi quattro anni ci saranno tante gare da affrontare con la giusta concentrazione e determinazione; intanto penso a far bene in queste sfide per poi essere pronta all’appuntamento di Pechino”.

Vuoi lasciare un saluto a tutti i tuoi sostenitori e ai lettori di VaNovaraVa.it? “Certo, con grande piacere! Seguitemi tutti sul canale di Eurosport… fate il tifo per me! A chi invece volesse seguirci da più vicino do appuntamento il 20 e il 21 dicembre per la tappa di Coppa del Mondo che si svolgerà a Cervinia… vi aspetto!”.

Grazie a Francesca Gallina per la disponibilità nel concederci questa intervista. Da parte della redazione del sito e di tutti gli sportivi azzurri, un grandissimo in bocca al lupo!

Alberto Battimo

 
La maglia azzurra 2020-21

Storico Articoli