gototopgototop
News
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio

Classifica 2020/2021

Sondaggio
Dove pensi possa arrivare il Novara Calcio al termine della stagione 2020-2021?
 

Conferenza pre Novara-Avellino e presentazione nuovi giocatori


Di Francesca Riga

Intervenuto oggi, venerdì 24 gennaio, in conferenza stampa e alla vigilia della gara contro l’Avellino, mister Calori ha analizzato il momento del Novara e presentato il prossimo imminente match: “Voglio vedere in campo una squadra affamata e concentrata. Dobbiamo fare un regalo ai nostri tifosi e proseguire la striscia di risultati positivi, serve continuità in questo senso per il bene della squadra. Siamo consapevoli di non aver risolto ancora i nostri problemi e, proprio per questo, non dobbiamo abbassare la guardia. Analizzando la nostra ultima partita di Varese non posso che essere soddisfatto. Stiamo ponendo le basi per un miglioramento graduale. Il sorriso è qualcosa che deve far parte della vita, sempre e comunque. Gli ospiti scenderanno in campo con la nostra stessa voglia di vincere e noi dovremo prestare attenzione nel non vanificare gli sforzi fatti fino ad oggi”.

Quale può essere la “chiave” per centrare il successo? “Dovremo mantenere un gioco fluido e veloce, anche perché probabilmente l’avversario sceglierà di agire in contropiede”.

Una domanda sui giocatori a disposizione del mister… “L’impiego di Pesce è ancora da valutare, oggi (N.d.R. venerdì) si allenerà con noi e vedremo come risponderà, ma difficilmente potrà giocare. Crescenzi e Lambrughi hanno molto entusiasmo e un piglio che mi piace: se oggi arriva il transfer per Crescenzi (N.d.R. ufficializzato poco dopo dall’Ufficio Stampa della società azzurra) il suo impiego potrebbe essere immediato”.

Viene poi chiesto al mister azzurro, un riscontro sui due neo-azzurri. “Crescenzi ha qualità note a tutti, grande energia e forza. Lambrughi, in aggiunta, ha anche esperienza. Entrambi ci daranno sicuramente una mano a uscire da questa situazione”.

“Ingaggiare giocatori tanto per farlo non serve a nulla, bisogna compiere le scelte giuste, che ci possono consentire un miglioramento”.

Mister Calori ha già un’idea della formazione da mandare in campo sabato pomeriggio? “Ho ancora qualche piccolo dubbio, ma nel complesso so già chi schierare dal primo minuto”.

Manconi? “E’ un giovane che ha gamba e qualità, sa dare profondità alla manovra: si è aggregato alla prima squadra e può dare il suo contributo come ha già fatto a Varese”.

Il parere di mister Calori sul prossimo avversario del Novara, l’Avellino. “E’ una squadra galvanizzata dal ritorno in Serie B, ma noi dobbiamo affrontarla senza paure. Dobbiamo sfruttare anche il fattore campo, che potrebbe aiutarci in questo senso. Fino ad oggi l’Avellino ha disputato un campionato sorprendente e con grosse individualità di alcuni giocatori. E’ probabile che proveranno ad aggredirci e toglierci spazio; inoltre credo che effettueranno un pressing asfissiante a centrocampo. Dovremo essere bravi noi a non dare alcun punto di riferimento”.

Con quale modulo il Novara affronterà l’Avellino? “Noi abbiamo una nostra identità, ben precisa. Difficilmente cambierò il modo di giocare del Novara in base all'avversario, in questo momento siamo tutti molto motivati quindi non è un problema scegliere la formazione”.

A margine della conferenza stampa di presentazione del match, è stato anche presentato dalla società il neo azzurro Alessandro Lambrughi, felice di essere giunto in una piazza “a suo dire” importante: “Arrivo in una società seria e sana, la voglia di indossare questa maglia è senza dubbio la ragione essenziale per cui ho scelto di venire qui in Piemonte. E' innegabile che al Livorno nell'ultimo periodo le cose non avessero preso una bella prospettiva, però posso voltare pagina e fare bene. Sono un terzino sinistro nella difesa a quattro, posso adattarmi a giocare da centrale. Il meglio lo do nella fase difensiva, posso però anche attaccare nonostante le mie doti siano più da difensore. Sto bene e sono a disposizione del mister”.

L'operazione dell’ingaggio di Lambrughi aveva un grado di difficoltà alto, ma grazie al lavoro certosino del DS Larini si è riusciti a chiudere la trattativa.

Sul suo inserimento nel gruppo, Lambrughi ha dichiarato: “Sono stato accolto positivamente. Ho giocato insieme a Salviato, Perticone, Parravicini e Genevier che mi hanno parlato bene fin da subito del Novara; non ho avuto dubbi nell'accettare la proposta del club. All'esterno questa società, a mio avviso, è tra le prime 7 della Serie B: la classifica è critica, però abbiamo la possibilità di risalire la china e ce la metteremo tutta per farlo”.

L’arrivo contestuale del transfert dalla Federazione francese per Alessandro Crescenzi, ha permesso di presentare ufficialmente anche lui alla Stampa, nonostante la circostanza non fosse stata programmata: “Sono stati sei mesi duri quelli vissuti in Corsica, sono felicissimo di essere tornato in quella che considero una grande società. Il calcio è strano, non mi aspettavo che il Novara potesse trovarsi in questa situazione, da domani faremo di tutto per portare a casa i tre punti. Possiamo compiere la stessa cavalcata dello scorso anno, non so dove giocherò ma mi trovo bene sia a destra che a sinistra”.

Francesca Riga
Foto in alto: www.novaracalcio.com

 
La maglia azzurra 2020-21

Storico Articoli