gototopgototop


News...
Statistiche azzurre alla 28a Giornata Statistiche azzurre alla 28a Giornata Di Giovanni Chiorazzi Sono on-line le statistiche...
Il punto della 28a Giornata Il punto della 28a Giornata Di redazione vanovarava.it A dieci giornate dall...
Tra uomini e “quaquaraqua” Tra uomini e “quaquaraqua” Di Alice Previtali Foto © Guido Leonardi Parados...
Novara FC - Mantova 1-1 Novara FC - Mantova 1-1 Di Giovanni Chiorazzi Foto © Guido Leon...
Le pagelle di Novara FC-Mantova Le pagelle di Novara FC-Mantova Di Fabio Fornari MINELLI: VOTO 6,5 Nonostante la...
Le voci dallo spogliatoio: Novara FC-Mantova Le voci dallo spogliatoio: Novara FC-Mantova Di redazione vanovarava.it Foto © Guido Leonard...
La fotogallery di Novara FC-Mantova La fotogallery di Novara FC-Mantova Di redazione vanovarava.it Sono on-line le foto re...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Football Club



Sondaggio
Con gli innesti del mercato di riparazione, il Novara FC potrà salvarsi senza disputare i play-out?
 

Speciale “Nini” Udovicich
Il simbolo di Novara!


Conferenza stampa pre Novara FC-Virtus Verona


Di Giovanni Chiorazzi
Foto © Guido Leonardi

Dopo la vittoria di Gorgonzola, ottenuta contro la Giana Erminio, il Novara è alla ricerca di conferme nei propri risultati anche contro la Virtus Verona, con l’obiettivo di centrare altri tre punti preziosismi per la classifica. Mister Gattuso (nella foto) analizza in questo modo l’opportunità a disposizione dei suoi ragazzi: “Da qui alla fine tutte le partite saranno importanti e dovremo cercare di sbagliare il meno possibile. La partita con la Giana ci ha dato maggiori forze ed energie e sicuramente ci ha fatto bene, perché abbiamo ottenuto tre punti pesanti e abbiamo dimostrato che la nostra squadra comincia ad essere concreta. Gli avversari adesso per farci gol devono fare fatica e questo ci ha dato compattezza. La strada è ancora molto lunga e difficile ma siamo consapevoli che per noi diventa importante preparare al meglio ogni singola partita. Con la chiusura del mercato il gruppo si è consolidato, dopo un periodo di gestione non semplice per gli arrivi e le possibili partenze. Il processo di inserimento dei nuovi migliora costantemente e iniziano a capire quello che chiedo io alla squadra e ai singoli”.

Per il Novara due incontri casalinghi ravvicinati molto importanti per il destino della stagione… “Per adesso ci concentriamo sulla Virtus Verona che è una squadra forte. Ho vista tante partite e, anche contro il Padova, sono andati molto vicini alla vittoria. Troveremo una squadra in salute e che si troverà bene sul campo, con giocatori pronti a fare male. Dovremo fare molta attenzione e avere una buona gestione della partita. Per certi versi noi facciamo più fatica in casa che fuori e anch’io devo capire bene il motivo di questo, dovendo necessariamente trovare una soluzione. Le partite in casa dovrebbero essere un nostro punto di forza e dovremo avere una tipologia di risultati e prestazioni differenti da quelli che stiamo avendo”.

Situazione indisponibili? “Abbiamo solo Khailoti fuori e la rosa è quasi al completo. Rientra in gruppo Lancini che ha recuperato, ci sarà anche Bertoncini nonostante abbia saltato i primi due giorni di allenamento per influenza. Ho tanta varietà di scelta e devo essere soltanto bravo io a non sbagliare formazione. Dovrò anche tenere conto delle altre due partite ravvicinate, capendo chi potrà gestire le prime due gare e per quanto tempo”.

Con la Giana, nel finale, il Novara è andato un po’ in difficoltà… “Nel calcio succede che a volte giri male, altre volte invece gira bene. Anche a noi deve girarci bene, anche se sappiamo che questa non può essere una giustificazione. Negli ultimi minuti non abbiamo fatto molto bene e anch’io, dalla panchina, qualche timore l’ho avuto. Questa è la paura che subentra nei calciatori e purtroppo questa condizione è poco “allenabile”… I giocatori sono esseri umani e non tutti gestiscono le emozioni allo stesso modo. Sappiamo che dobbiamo migliorare in questo aspetto. Molte problematiche le abbiamo risolte rispetto ad inizio stagione e dobbiamo ricordarci dov’eravamo solo qualche tempo fa. Ma adesso le cose sono cambiate, la nostra classifica dice che abbiamo ancora dei problemi ma ci sono ancora tutte le possibilità per rimettere a posto le cose”.

Si prevede una partita giocata da ambedue le squadre con il 3-5-2 e su un terreno pesante… “Più che pesante direi con la palla che scorrerà velocissima e dovremo avere una buona tecnica nella gestione della sfera... Oltre all’agonismo, alla determinazione e alla cattiveria ovviamente. Nel calcio moderno il giocatore deve saper fare tante cose ma, soprattutto, deve conoscere tante cose. E noi allenatori dobbiamo dare loro tutto il possibile”.

La situazione di Ongaro? “Si è già ambientato con il gruppo ed è intelligente. Aveva solo bisogno di un po’ di tempo e si è subito messo a disposizione. Lotta, si dà da fare e ha il giusto atteggiamento. Un esempio per i suoi compagni”.

Giovanni Chiorazzi
Foto © Guido Leonardi

 



La nascita del Novara FC


Sito ufficiale Lega Pro

Cerca nel sito...
Storico Articoli