gototopgototop
News...
Il punto della 15a Giornata Il punto della 15a Giornata Di redazione vanovarava.it ...
Statistiche azzurre alla 15a giornata Statistiche azzurre alla 15a giornata Di Giovanni Chiorazzi Sono on-line le statistiche...
Novara FC - Piacenza 1-1 Novara FC - Piacenza 1-1 Di Giovanni Chiorazzi Foto © Guido Leon...
L’obiettivo sul campo di G. Leonardi: Novara FC-Piacenza L’obiettivo sul campo di G. Leonardi: Novara FC-Piacenza Di redazione vanovarava.it Per gentile con...
Le voci dallo spogliatoio: Novara FC-Piacenza Le voci dallo spogliatoio: Novara FC-Piacenza Di redazione vanovarava.it Foto © Guido Leonardi ...
La fotogallery di Novara FC-Piacenza La fotogallery di Novara FC-Piacenza Di redazione vanovarava.it Sono on-line le foto re...

Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Football Club


Il rugby giovanile a Novara

Cerca nel sito...
Sondaggio
Dove pensi che possa arrivare il Novara FC in questo campionato di Serie C 2022-2023?
 


La Curva Nord


Pro Vercelli - Novara FC 1-2


Di Giovanni Chiorazzi

Foto © Guido Leonardi

Il Novara espugna il “Piola” di Vercelli e lo fa con una prestazione grintosa, convincente e che mette in risalto tutta la personalità di un gruppo sempre più in crescita, di partita in partita. Come avvenuto contro il Renate, infatti, il successo finale è maturato in rimonta, a testimonianza di una rosa capace di reagire in campo anche davanti alle difficoltà. Difficoltà amplificate dal fatto che in scena stesse andando un derby molto atteso dalla tifoseria azzurra, ansiosa di riscatto, ma anche dall’aver subito una rete al primo affondo dei padroni di casa e dopo un ottimo avvio di Gonzalez e compagni, circostanza che avrebbe spezzato l’entusiasmo di chiunque. A questo sommiamo un clima molto caldo e passionale, come era lecito aspettarsi, che avrebbe davvero potuto rendere complicata la missione. Ma non per la compagine azzurra, che in campo ha saputo dimostrare un tasso qualitativo obiettivamente più elevato degli avversari, non solo con un maggior numero di occasioni a proprio favore (si veda il numero di corner battuti per farsene una ragione), ma anche con un possesso palla quasi ininterrotto nel primo tempo della sfida, dove anche il solo pareggio risultava “stretto” alla squadra di mister Cevoli.


Rigide marcature su Galuppini

Nonostante si sia giocato in spazi molto ristretti per le rigide marcature attuate da entrambe le retroguardie, la partita ha offerto spettacolo ed emozioni come auspicato alla vigilia, con un susseguirsi di azioni che hanno onorato un derby che mancava da quattro anni e che si è confermato sempre molto affascinante. Tornado però all’analisi della partita, stupisce in modo favorevole la grande determinazione degli azzurri nel buttarsi a capofitto in avanti nonostante l’imprevisto svantaggio, facendo leva su alcune giocate individuali che hanno alla fine determinato la vittoria finale: su tutti Gonzalez in attacco, Rocca a centrocampo e Benalouane in difesa. Ognuno per il proprio reparto di competenza, i tre giocatori del Novara sono risultati fondamentali per centrare i tre punti in palio e regalare un momentaneo terzo posto solitario in classifica alla squadra azzurra, che dopo questa gara porta a sei lunghezze il divario con la Pro Vercelli. Ma limitarsi a parlare dei singoli sarebbe riduttivo, in una sfida dove tutti hanno dato un contributo importante alla causa, sostenuti da un pubblico - quello azzurro - che ha saputo trascinare la squadra alla vittoria con il proprio sostegno e calore, vincendo anche in questo senso contro gli “avversari” per eccellenza…


Il tiro scagliato da Gonzalez che è valso il pareggio © Guido Leonardi

Va precisato, oggettivamente, che a questo Novara manca ancora qualcosa in fase realizzativa: non soltanto i gol dei suoi attaccanti (fra tutti quelli di Bortolussi che si è “divorato” incredibilmente una rete nel primo tempo del derby), bensì anche qualche accortezza in più in fase realizzativa ripensando al fatto che di cinque partite di campionato, in ben quattro la rete azzurra è stata “violata”. Ma dopo una vittoria così emozionante come quella maturata oggi, tutti gli aspetti sui quali è possibile migliorarsi passano in secondo piano. Perché questo successo è la miglior risposta possibile per la tifoseria azzurra dopo un anno di “purgatorio” che ha obbligato tutti i supporter a improponibili trasferte su campi di Serie D, macchiando di fatto la storia calcistica ultracentenaria di una società blasonata come il Novara.


Bortolussi non è riuscito ad andare a segno

Attenzione, poi, a non sottovalutare l’importanza di questo successo anche sul piano psicologico… perché oltre ad essere utile per la classifica, la seconda vittoria colta in campionato su altrettante trasferte fin qui disputate, conferma il potenziale a disposizione, a maggior ragione contro un avversario molto ostico e insidioso, con alcuni giocatori particolarmente insidiosi e senza riferirsi al “solito” Comi che, questa volta, è rimasto “all’asciutto” contro l’attenta retroguardia novarese, sebbene proprio l’ex azzurro sia risultato determinante in fase difensiva bloccando un pallone sulla linea di porta.


Galuppini ribatte in rete il pallone dopo il penalty fallito

Ad ogni modo, gli applausi del pubblico di casa presente in tribuna al “Piola”, al momento della sostituzione di Gonzalez, la dicono lunga sulla vittoria del Novara… vittoria che, mai come in questo caso, può dirsi giusta e di buon auspicio per il futuro del campionato. Unico “neo” di giornata l’espulsione (per doppia ammonizione) di Benalouane, che priverà gli azzurri del suo uomo con maggior esperienza difensiva nella prossima sfida interna, contro il Vicenza, avversario molto temibile e che rappresenterà un ulteriore test per capire la forza di questa squadra. Ma come detto a più riprese da mister Cevoli, il poter contare su una rosa ampia e di valore offre ampie garanzie in questo senso e il debutto stagionale di Amoabeng e Bertoncini contro la Pro Vercelli potrebbe essere un buon viatico al riguardo. Adesso, smaltita la giusta euforia per un successo che ridona gioia a tutta la città di Novara, è giusto rimanere umili e con i piedi per terra. Pur riconoscendo, tuttavia, che al di là di quello che succederà in campionato, è innegabile che questa partita resti sempre un po' più scolpita nella memoria di ogni tifoso, azzurro o vercellese che sia… e vincere in rimonta, come avvenuto oggi, aumenta la soddisfazione per il risultato ottenuto.

Giovanni Chiorazzi
Foto © Guido Leonardi


Un Gonzalez devastante in campo sfugge agli avversari

PRO VERCELLI (4-2-3-1): Valentini; Silvestro (dal 27'st Anastasio), Cristini, Perrotta, Iotti (dal 1'st Macchioni); Calvano, Saco (dall’11'st Corradini); Mustacchio, Vergara (dal 1'st Arrighini), Della Morte (dal 37'st Guindo); Comi.
A disposizione: Rigon; Lancellotti; Masi, Gentile, Gatto, Renault, Iezzi.
Allenatore: Massimo Paci.

NOVARA FC (4-3-2-1): Pissardo; Ciancio, Benalouane, Carillo, Goncalves (dal 40'st Amoabeng); Rocca (dal 40'st Bertoncini), Ranieri, Masini; Galuppini (dal 33'st Tavernelli), Gonzalez (dal 24'st Calcagni); Bortolussi (dal 33'st Buric). 
A disposizione: Desjardins; Menegaldo; Bonaccorsi, Di Munno, Marginean, Peli, Diop.
Allenatore: Roberto Cevoli.


Arbitro: Sig. Francesco Carrione della sez. di Castellammare di Stabia (NA).
Assistenti: Sigg. Massimiliano Bonomo (sezione di Milano) e Marco Ceolin (sezione di Treviso).
Quarto ufficiale: Sig. Emanuele Ceriello (sezione di Chiari).

Marcatori: 9'pt Della Morte (PV), 37'pt Gonzalez (N); 20'st Galuppini (N).

Ammonizioni: Mustacchio per la Pro Vercelli; Benalouane, Ciancio, Calcagni e Benalouane (duplice ammonizione) per il Novara FC.

Espulsioni: 50'st Benalouane (N) per doppia ammonizione.

Calci d’angolo: 2 per la Pro Vercelli; 9 per il Novara FC.

Recupero: 0'pt; 5'st.

Spettatori: 4.300 circa con larga rappresentanza di tifosi azzurri al seguito.

Note: cielo piovigginoso, terreno sintetico in buone condizioni, temperature al di sotto della media stagionale. Primo derby fra le due società dalla costituzione del Novara Football Club (ultimo derby 4 anni fa). La gara è stata trasmessa in diretta da Raisport. Al 20'st Valentini respinge un rigore calciato da Galuppini.


I tifosi del Novara nella Curva Est del “Silvio Piola” di Vercelli

Cronaca: Finalmente le tante disamine relative al derby fra Pro Vercelli e Novara lasciano la parola al campo, con il primo match in assoluto fra le due compagini dalla nascita del club di patron Ferranti. I tifosi azzurri, ma anche quelli bicciolani, hanno atteso con trepidazione la sfida, che da sempre rappresenta la gara più sentita di tutto il campionato. Per l’occasione, il Novara di mister Cevoli ritorna in campo con un 4-3-2-1 che vede Ciancio, Benalouane, Carillo e Goncalves davanti a Pissardo; in mediana tocca a Rocca e Masini agire ai lati di Ranieri in mezzo, mentre in attacco, a supporto di Bortolussi in veste di terminale offensivo, troviamo Galuppini e Gonzalez. La Pro Vercelli di mister Massimo Paci (ex difensore del Novara Calcio) risponde con 4-2-3-1 che vede Valentini in porta, Silvestro, Cristini, Perrotta e Iotti a comporre la linea difensiva, Calvano e Saco in mediana e, per finire, il tridente d’attacco composto da Mustacchio, Vergara e Della Morte alle spalle di Comi, quest’ultimo “sorvegliato” speciale della difesa azzurra, vista la sua vena realizzativa ogni volta che si vede opposto alla sua ex squadra.


Difesa vercellese in affanno

La prima azione della gara è di marca azzurra dopo un solo minuto: gran tiro di Gonzalez, vola Valentini che devia in corner non senza qualche difficoltà. Il Novara parte forte e si rende molto propositivo in fase avanzata, all’8' una sponda di Gonzalez in area – dagli sviluppi di un corner – mette in condizione Bortolussi di approfittarne, ma l’attaccante azzurro non ci arriva di poco. Al primo affondo in attacco, è però la Pro Vercelli a passare in vantaggio al 9': Della Morte si invola sulla sinistra, scambia in velocità con Vergara e va alla conclusione dal limite dell’area che si insacca nell’angolino basso della porta di Pissardo. Il gol subito “a freddo” è una mazzata, ma la squadra di Cevoli non si arrende e al 13' si riaffaccia in avanti: cross dalla destra di Ciancio, ci arriva Bortolussi di testa ma la sfera esce di poco. Un minuto dopo altra ghiotta occasione per il Novara non finalizzata: lancio di Ranieri, dalle retrovie spunta Bortolussi che nel confronto diretto con Valentini incespica colpendo male il pallone e favorendo l’intervento difensivo. Ma la compagine azzurra non demorde e pochi minuti dopo è Ciancio a provarci dalla lunga distanza, la conclusione non è però precisa. Al 20' Mustacchio, servito da Comi, ci prova in semi-rovesciata, Pissardo blocca in due tempi. 25' Ciancio arriva ancora al cross, questa volta solo l’intervento di Silvestro nega la gioia della rete a Bortolussi, ben piazzato per un colpo di testa. Alla mezz’ora viene assegnata una punizione defilata al Novara, Galuppini tenta la trasformazione ma la mira non è delle migliori. Al 37' giunge il meritato pareggio per il Novara: su azione di rimessa, Galuppini entra in area e serve Gonzalez liberandolo dalla marcatura, l’argentino anticipa in uscita Valentini e insacca per il gol che vale l’1-1. Galvanizzati dalla rete, gli azzurri cercano di attuare un sorpasso prima dell’intervallo e la conclusione potente di Galuppini dalla distanza impegna seriamente Valentini nella deviazione. Il Novara si rende ancora pericoloso in area con Gonzalez, che sfruttando un rimpallo ci prova di prima intenzione con il mancino, la difesa vercellese si salva in corner. Prima della pausa, è Goncalves a sfiorare una rete bellissima con un tiro dalla lunghissima distanza, ma Valentini salva nuovamente la sua squadra alzando la sfera e mettendo in corner.

La ripresa si apre con un doppio cambio per i padroni di casa: dentro Macchioni e Arrighini, fuori Iotti e Vergara. La Pro Vercelli potrebbe approfittarne dopo appena due minuti con Comi, servito alla perfezione in area, che ci prova di prima intenzione. Pissardo respinge ma non blocca la sfera, l’azione termina con un corner per i bianchi. Al 6' ci prova ancora Galuppini dal limite dell’area, ma la mira è sballata. Al 17' Gonzalez va alla conclusione, ma Valentini blocca dopo una deviazione di Macchioni. Due minuti dopo viene assegnato un penalty al Novara: dalla destra il solito Ciancio va al cross in area, ma nell’azione la sfera viene deviata con il braccio da Cristini. Netta la massima punizione per la quale si incarica della battuta Galuppini. L’attaccante si fa respingere la conclusione da Valentini, ma nella ribattuta è lo stesso Galuppini a risultare il più lesto nel ribattere in porta e trovare la rete del sorpasso azzurro. Mister Cevoli inserisce Calcagni per Gonzalez. Nel frattempo i padroni di casa si affidano a Della Morte che al 31' serve Comi in area, ma la conclusione di quest’ultimo viene bloccata da Pissardo. A dieci minuti dalla fine, è ancora Della Morte a provarci su punizione, ma l’azione non porta a nulla di fatto. Al 38' Pissardo si mette in luce per un grande intervento sul tiro ravvicinato di Mustacchio, servito da Arrighini sulla destra. Grande colpo di reni del portiere azzurro che sventa il pericolo. A due minuti dal termine, Tavernelli - nel frattempo subentrato - si ritrova a “tu per tu” con Valentini ma la sua conclusione viene respinta dal portiere. Nel primo dei cinque minuti di recupero, Benalouane va al tiro dalla propria metà campo, il pallone si abbassa nei pressi della porta di Valentini, costretto alla deviazione per sventare un gol che avrebbe avuto dell’incredibile. A pochi secondi dal termine l’unico neo di giornata per il Novara: Benalouane e Comi arrivano a contatto, per l’arbitro il centrale azzurro merita un cartellino giallo... il secondo della partita, che comporta l’espulsione del giocatore, assente a questo punto domenica prossima contro il Vicenza.


Il rigore di Galuppini, da cui è nato il vantaggio azzurro

La sfida finisce qui… con i giocatori del Novara sotto la Curva Est del “Piola” di Vercelli, a gioire insieme ai tanti tifosi che hanno seguito la squadra al seguito. Un trionfo meritato quello del Novara nel derby, che conferma il potenziale a disposizione e avvalora i meriti di un gruppo che sembra crescere in maniera esponenziale di partita in partita.

redazione vanovarava.it

 

La nascita del Novara FC

Il simbolo di Novara!

Storico Articoli