gototopgototop
News
Novara-Pro Sesto 0-0 Novara-Pro Sesto 0-0 Di Giovanni Chiorazzi Ennes...
Le pagelle di Novara-Pro Sesto Le pagelle di Novara-Pro Sesto Di Fabio Fornari LANNI...
La fotogallery di Novara-Pro Sesto La fotogallery di Novara-Pro Sesto Di redazione vanovarava.it Sono on-line le foto ...
Le voci dallo spogliatoio: Novara-Pro Sesto Le voci dallo spogliatoio: Novara-Pro Sesto Di redazione vanovarava.it Foto © Guido Leonardi ...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio

Classifica 2020/2021

Sondaggio
Dopo il mercato di “riparazione” 2021, ritieni che il Novara Calcio:
 

Carrarese-Novara 1-2


Di Giovanni Chiorazzi

Il successo che il Novara Calcio è riuscito a centrare, peraltro in rimonta, sul campo della Carrarese, potrebbe valere tantissimo in ottica salvezza per svariati motivi. Infatti, non sono solo i tre punti messi in cascina a dare risalto alla prestazione della squadra di Banchieri, quanto finalmente una reazione determinata e grintosa da parte di tutti gli azzurri, che prima di incassare la rete dei padroni di casa avevano anche potuto festeggiare per l’intervento di Lanni a “disinnescare” il rigore calciato da Infantino, a conferma delle grandi qualità dell’estremo difensore azzurro in questo senso, considerando che su 11 rigori assegnati contro, sino ad oggi, Lanni è riuscito a pararne ben 5 riscattandosi in questo modo alla grande dopo l’ingenuità commessa contro il Livorno. Parlando di riscatto personale, poi, è bello osservare come Corsinelli, autore del fallo che ha originato il penalty odierno contro la Carrarese (poi fallito da Infantino), si sia fatto perdonare nel migliore dei modi, con un gol “di rapina” molto bello - il primo per lui in maglia azzurra - sull’occasione creata da Lanini, questa volta risultato molto prezioso nel gioco della squadra pur non riuscendo a centrare la marcatura personale. In tutto questo, tuttavia, buona parte del merito di questo successo azzurro, il quarto in trasferta per il Novara (contro le tre vittorie complessive tra le mura amiche) va attribuito al giovane Marco Zunno, classe 2001, sul quale Banchieri ha sempre avuto grande fiducia, la stessa riconosciutagli a inizio ripresa contro la Carrarese, che ha visto l’attaccante del Novara trovare il primo centro stagionale con una conclusione bellissima e che non ha lasciato scampo al portiere toscano, forse anche per questo poco reattivo in occasione del secondo gol del Novara.
Sul piano della condizione atletica, invece, pur riconoscendo con obiettività sportiva una prestazione migliore da parte di Buzzegoli e compagni nella ripresa rispetto al primo tempo, si è potuta osservare una netta crescita da parte di tutti i giocatori coinvolti, con una trasformazione notevole tra le due frazioni, forse basata sulla voglia di riscatto che stava penalizzando oltremisura gli azzurri sino a quel momento.
Quello che è importante è non far passare per scontato un successo che - sarà anche giunto contro una formazione che in casa, nel 2021, non ha ancora mai vinto - ma è altrettanto vero che aveva visto la Carrarese arrivare a questo appuntamento galvanizzata dal successo ottenuto contro la Pistoiese nel turno precedente e pur sempre con giocatori molto importanti per la categoria, in particolare per quanto riguarda il reparto avanzato. Dunque va dato il giusto merito alla formazione di Banchieri, che ha dimostrato di avere le qualità per riuscire a recuperare anche in corsa senza arrendersi di fronte alla difficoltà. Una condizione indispensabile per centrare l’obiettivo salvezza quanto prima, che dopo questa gara si avvicina ma che non può certo dirsi già raggiunto. Ecco perché quanto affermato dal tecnico azzurro, ovvero il continuare in questa direzione, deve essere preso alla lettera dai suoi giocatori, prendendo ad esempio la gara odierna dove con caparbietà, cinismo e spirito di sofferenza, la squadra torna a Novarello con l’intera posta in palio, aspetti che non sempre si sono intravisti in campo da parte degli azzurri e a fronte dei quali sono risultati decisamente troppi i punti persi per strada. Invece, il successo in casa della Carrarese dimostra meglio di ogni cosa come ci si possa togliere altre soddisfazioni nel proseguo di campionato, senza porsi limiti neppure ad un insperato accesso alla griglia play-off.

Giovanni Chiorazzi

CARRARESE: Mazzini; Pasciuti, Murolo (dal 36'st Agyei), Milesi, Bresciani (dal 1'st Valietti); Luci, Schirò (dal 28'st Giudici); Caccavallo, Piscopo (dal 36'st Doumbia), Marilungo; Infantino (dall’8'st Foresta).
A disposizione: Pulidori; Borri, Manzari, Ermacora, Pavone.

Allenatore: Silvio Baldini.


NOVARA: Lanni; Corsinelli (dal 45'st Lamanna), Bove, Pogliano, Cagnano; Buzzegoli (dal 28'st Schiavi), Collodel; Malotti, Lanini (dal 34'st Bortoletti), Panico (dal 1'st Zunno); Rossetti.
A disposizione: Desjardins; Pagani, Colombini, Bianchi, Ivanov, Pellegrini, Cisco, Moreo.
Allenatore: Simone Banchieri.


Arbitro: Sig. Antonino Costanza della sezione di Agrigento.
Assistenti: Sigg. Davide Conti (sezione di Seregno) e Simone Biffi (sezione di Treviglio).
Quarto ufficiale: Sig. Marco Emmanuele (sezione di Pisa).

Marcatori: 37'pt Caccavallo (C); 2'st Zunno (N), 24'st Corsinelli (N).

Ammonizioni: Bresciani, Marilungo e Agyei per la Carrarese; Cagnano, Corsinelli, Panico e Desjardins per il Novara.

Espulsioni: nessuna.

Calci d’angolo: 6 per la Carrarese; 6 per il Novara.

Recupero: 3'pt; 4'st.

Note: cielo soleggiato con nuvole sparse, temperature nella media stagionale, terreno di gioco in condizioni precarie. Novara schierato in campo con la seconda divisa da gioco: maglia bianca, pantaloncini bianchi e calzettoni bianchi con bordo azzurro. Partita giocata a “porte chiuse” nel rispetto del protocollo sanitario nazionale
. Prima del fischio d’inizio osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Mauro Bellugi, ex giocatore di Inter, Bologna e Napoli, scomparso in settimana per complicanze dovute al Covid. Al 34' la Pistoiese ha fallito l’esecuzione di un calcio di rigore con Infantino sul parziale di 0-0.

Cronaca: Il Novara è ospite della Carrarese, formazione guidata in panchina dall’esperto Silvio Baldini, con nomi importanti in rosa e con chiare ambizioni di accedere ai play-off, nonostante qualche difficoltà riscontrata sul proprio cammino sino ad oggi e non preventivata a inizio stagione. I toscani si schierano in campo con il loro schema classico, il 4-2-3-1, che punta in attacco su Infantino supportato da Caccavallo, Piscopo e Marilungo, mentre in regia le “chiavi” del centrocampo sono affidate alla coppia Luci-Schirò. Il Novara di mister Banchieri, chiamato a riscattarsi dopo il deludente 1-1 casalingo contro il Livorno, si affida al collaudato 4-2-3-1 (medesimo schema dei padroni di casa) ma, a differenza di quanto visto nel turno precedente, questa volta con un cambio apportato in mediana: in attacco, come terminale offensivo, troviamo Rossetti, supportato nelle manovre da Malotti, Lanini e Panico. A centrocampo Banchieri propone la coppia composta da Collodel e Buzzegoli (ritorno da titolare per lui), mentre in difesa - ai confermati Corsinelli e Cagnano sugli esterni - si affiancano Bove e Pogliano al centro.

Nelle prime battute di gioco le due squadre tendono a studiarsi, facendo attenzione a non scoprirsi troppo. Dopo un’ammonizione per parte (Bresciani per la Carrarese, Cagnano per gli azzurri), la prima occasione degna di nota è per la compagine toscana: Caccavallo, in area di rigore, si gira in un fazzoletto calciando sul primo palo ma la sfera esce di poco. Passano tre minuti e ancora Caccavallo, dalla distanza, ci prova con un tiro debole che Lanni blocca senza problemi. Al 29' arriva il primo tiro nello specchio della porta per il Novara: è Panico a provarci dai 25 metri calciando di destro, ottima la risposta di Mazzini che devia sopra la traversa e nega la gioia del gol all’attaccante azzurro. Al 32' Mazzini è ancora una volta provvidenziale in uscita bassa su Lanini, con l’estremo difensore di casa che anticipa l’attaccante del Novara. Al 33' viene assegnato un calcio di rigore per la Carrarese, a seguito di un fallo di Corsinelli in area su Infantino. Lo stesso attaccante toscano va sul dischetto per tentare la trasformazione, ma Lanni si conferma autentico “para-rigori” del campionato, bloccando la conclusione sbilenca di Infantino verso la porta. Tuttavia, solo due minuti dopo la Carrarese passa ugualmente in vantaggio: Caccavallo rientra sul sinistro ingannando Cagnano con una finta e con un preciso mancino sul primo palo trafigge Lanni. Il primo tempo si conclude con il Novara in attacco nei minuti di recupero: Lanini va alla conclusione dalla distanza, la sfera viene deviata leggermente ma Mazzini riesce a bloccare in due tempi.

La ripresa si apre con due cambi, uno per parte: per la Carrarese esce Bresciani ed entra Valietti. Il Novara sostituisce Panico con Zunno. Ed è proprio il giovane attaccante del Novara, appena entrato, a firmare il pareggio azzurro dopo appena due minuti: dal limite dell’area di rigore, Zunno fa partire un tiro a giro che trafigge Mazzini, per una marcatura davvero molto bella. Primo gol con la maglia della prima squadra per il giovane attaccante di Banchieri. Galvanizzato dal pareggio, il Novara sfiora subito un altro gol al 6': Murolo effettua un salvataggio in extremis sulla linea dopo una respinta di Mazzini che era carambolata su Milesi. Al 24' giunge il sorpasso del Novara: Lanini calcia in porta con una conclusione potente che trova Mazzini incerto nella presa, Corsinelli è lesto ad approfittarne e ribattere in rete per il 2-1 ospite. Banchieri inserisce Schiavi per Buzzegoli in mediana, per dare sostanza e forze fresche al centrocampo. Al 31' un cross di Valietti attraversa tutta l’area di rigore azzurra, ma né Piscopo né Marilungo riescono a intercettare. Nel finale è ancora il Novara a sfiorare la marcatura: punizione di Schiavi che lambisce il palo alla destra di Mazzini, rimasto immobile nell’occasione.

Il Novara di Banchieri coglie una vittoria importantissima in ottica salvezza, contro un avversario di valore come la Carrarese. Inoltre il successo è maturato in rimonta, circostanza alla quale la compagine azzurra non può certo dirsi “abituata”. Segnali che fanno dormire più tranquilli i tifosi del Novara, che fra il primo e il secondo tempo della gara odierna hanno potuto osservare una reazione di tutta la squadra, con il primo gol di Zunno che si spera possa essere il capostipite di una lunga serie e con Corsinelli risultato match-winner di giornata e che lo premia per il massimo impegno sempre dimostrato sul campo.

redazione vanovarava.it

 
La maglia azzurra 2020-21

Storico Articoli