gototopgototop
News
Un tuffo a 360° sulla ginnastica artistica novarese Un tuffo a 360° sulla ginnastica artistica novarese Di redazione vanovarava.it Forse in poc...
Novara Calcio: confermata l’iscrizione alla Serie C 2020-21 Novara Calcio: confermata l’iscrizione alla Serie C 2020-21 Di redazione vanovarava.it La società Novara ...
Il Club Piazzano Novara promosso in Serie A2! Il Club Piazzano Novara promosso in Serie A2! Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
TC Piazzano: festa per la promozione in B femminile TC Piazzano: festa per la promozione in B femminile Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Classifica 2019/2020

Esclusiva VNV: L’intervista a Pablo Andrés Gonzalez


Di Alberto Battimo

Si è arrivati a giocarsi la Serie B fino alla semifinale, con un percorso di tutto rispetto. Nonostante il lockdown la squadra non ha mai mollato la presa, è scesa in campo sin dalla sfida contro l’AlbinoLeffe dimostrando un calcio propositivo e mai domo. Questa stagione deve rappresentare il preludio a quella successiva: ci sono tutti gli elementi per portare avanti un progetto intento a riservare alla squadra le posizioni di vertice. Abbiamo contattato uno dei pilastri di questa squadra, un giocatore sempre molto amato dai tifosi. Il suo attaccamento a questa città e a questa maglia va oltre ogni limite. Il suo contributo, sia tecnico che mentale, è stato fondamentale per permettere ai giovani di provare a seguire le sue orme, i risultati si sono visti ed ora è pronto a ricaricare le batterie per tornare al “Piola” a conquistare nuove vittorie, con la speranza di condividerle al più presto con i nostri tifosi. Lui è… Pablo Andrés Gonzalez.

Il cammino play-off del Novara è stato encomiabile, dalla prima sfida contro l’AlbinoLeffe alla semifinale contro la Reggio Audace, abbiamo visto una squadra in salute e una crescente consapevolezza dei propri mezzi col passare delle partite. Uscire ad un passo dalla finale è stato un vero peccato, ma questo non cancella il cammino positivo della squadra in questa particolare stagione. C’è rammarico nel non essere riusciti ad arrivare in finale o rimane la soddisfazione di essere arrivati ad un passo dal giocarsi la Serie B? “Proviamo entrambe le sensazioni. Siamo usciti contro la squadra che poi ha ottenuto la promozione in serie cadetta e avere lottato fino all’ultimo anche contro gli emiliani dimostra la nostra evoluzione in questa stagione. Dopo un percorso del genere il rammarico per essere stati eliminati in semifinale è tanto, abbiamo provato a pareggiarla per potercela giocare ai supplementari ma non ci siamo riusciti. Siamo usciti dal campo delusi e arrabbiati perché eravamo consapevoli delle nostre capacità e avevamo dato tutto per giocarci la Serie B nella gara finale. La stagione rimane comunque esaltante, la soddisfazione di essercela giocata con tutti - dando il massimo in ogni campo e in ogni situazione - è un aspetto che non deve essere dimenticato, siamo comunque contenti del nostro percorso”.


Gonzalez e Buzzegoli: i senatori scelti dalla società per far crescere i giovani

Anche in queste ultime partite i giovani della rosa hanno dimostrato il loro valore, ma un plauso va fatto a voi giocatori più esperti perché avete dato dimostrazione di cosa significa avere in squadra giocatori del vostro calibro. Il vostro apporto in questa stagione è stato fondamentale per la crescita sia dei giovani che della squadra, ma in questi play-off avete dato il meglio di voi stessi dimostrando tutto il repertorio. La vostra intenzione è di rimanere i “punti cardine” della squadra anche il prossimo anno? “Uno dei nostri punti di forza è stato il gruppo, quando ci siamo salutati l’augurio di tutti era quello di rivederci dopo le vacanze per vivere insieme nuove avventure con questa maglia. Sappiamo bene cosa succede alla fine di ogni stagione, sia la società che i giocatori faranno le dovute valutazioni e verranno prese delle scelte in base alle proprie idee e obiettivi. Io ho già avuto modo di parlare con il direttore affermando la mia voglia di rimanere a Novara anche la prossima stagione. La mia sensazione è che si sia creata una giusta base per costruire un futuro sempre più roseo, questo giusto mix ha funzionato e spero di trovarmi con un gruppo del genere anche la prossima stagione. Spero di rivedere tante facce note quando riprenderemo ad allenarci”.

Mister Banchieri è riuscito a dare sin da subito un’anima alla squadra trasmettendo la sua carica e determinazione anche in campo. Alla guida delle giovanili aveva già dimostrato le sue capacità e riuscire a guidare al meglio la prima squadra, alla prima occasione, dimostra le sue capacità di allenatore. Come ti sei trovato con le idee del mister e come giudichi il suo operato? “Non può che essere positivo il lavoro svolto dal nostro mister, ma bravi anche noi giocatori capaci di eseguire al meglio le sue idee con tanta attenzione e abnegazione. Le capacità dell’intero staff tecnico si sono viste soprattutto durante il lockdown, sono stati in grado di mantenerci sempre sul pezzo nonostante le notizie di questa emergenza sanitaria che stavano colpendo il mondo intero. Con molto tatto e con la concezione base del lavoro, non abbiamo mai mollato il nostro obiettivo sportivo. In questa stagione l’intesa tra giocatori e staff ha migliorato tutti, siamo cresciuti con il passare delle partite sia dal punto di vista tecnico che mentale. Ci siamo rafforzati quando siamo usciti insieme anche nei momenti difficili, abbiamo affrontato all’interno dello spogliatoio le varie situazioni e risolverle grazie ad una vittoria importante o ad una prestazione di livello ci ha dato ulteriori stimoli e voglia di fare bene. Siamo stati squadra dall’inizio alla fine, tutti uniti con l’obiettivo comune che è sempre stato il meglio per il Novara Calcio, le soddisfazioni personali sono sempre entrate in secondo piano. Sono sicuro che anche mister Banchieri abbia ampliato le proprie conoscenze e il suo modo di allenare grazie a noi e di tutto questo dare e avere ne trarrà giovamento il Novara Calcio”.

Giocare i play-off senza tifosi è stato l’aspetto negativo di questo atto finale: un giocatore come te che vive per il calore e l’affetto del pubblico, come hai vissuto queste partite con gli spalti vuoti? “La prima sfida contro l’AlbinoLeffe nel nostro stadio è stata particolare, con il passare dei minuti ci siamo “abituati” a questo clima surreale. Non abbiamo avuto la possibilità di avere fisicamente i tifosi con noi, ma voglio ringraziarli per la vicinanza che ci hanno dimostrato durante questi play-off con messaggi di incitamento e di supporto. Per noi è stato un piacere enorme ricevere tutto questo affetto nonostante gli stadi chiusi e abbiamo affrontato ogni sfida spinti dalla loro carica. Quando siamo stati eliminati abbiamo ricevuto un video da parte loro che ci ha emozionato molto, a Novarello molti ci hanno aspettato per vivere insieme questo cammino nonostante la distanza: tanti momenti che non dimenticheremo mai”.


Per Gonzalez un altro anno di contratto in maglia azzurra (sino al giugno 2021)

La società ha in mente un progetto importante, la Serie B è uno dei primi obiettivi da raggiungere in poco tempo. Questa stagione ha posto le basi per costruire una squadra ancora più forte: a prescindere dai nomi che verranno, quali aspetti non dovranno mancare l’anno prossimo per continuare il percorso iniziato con il piede giusto? “Bisogna partire dai giovani, il loro entusiasmo e coraggio non può mancare in una squadra che lotta per il vertice. Hanno la forza di trascinarti e di coinvolgerti nella giusta maniera, a quel punto si crea la giusta simbiosi che può portare ad importanti risultati. Quest’ultima stagione è un esempio da prendere in considerazione: grinta, voglia di lottare su ogni pallone, correre fino all’ultimo secondo sono stati i fattori principali che ci hanno permesso di vivere una stagione da protagonisti. Durante l’anno nessuna squadra è riuscita ad essere superiore a noi, forse l’unico vero passo falso è stato contro il Lecco, è stata la tipica “giornata no” ed è arrivata una brutta sconfitta. Tolta questa gara non abbiamo mai demeritato, anche contro il Monza abbiamo creato loro grossi grattacapi al di là del risultato. Tutte queste caratteristiche saranno importanti anche nella prossima stagione, portiamoci dietro questo bagaglio di esperienza per essere sempre più determinati ed efficaci”.

Il tuo legame con Novara è indissolubile. Dopo i due anni ad Alessandria sei tornato a vestire la maglia azzurra firmando un contratto fino al 2021. Il recupero sia fisico che mentale è stato graduale, normale quando si è svincolati per qualche mese, ma quando hai ripreso il ritmo partita abbiamo rivisto il vero Pablo. Soddisfatto della tua personale stagione? “Sono soddisfatto della mia personale stagione. Avevo fatto circa sei mesi a casa dopo l’esperienza ad Alessandria ma ho continuato ad allenarmi e a rimanere in forma. Non poteva esserci ritorno migliore che tornare a vestire la maglia azzurra. Nei primi tempi ho fatto fatica a trovare il ritmo partita, ma la preparazione estiva eseguita con tanto entusiasmo mi ha aiutato poi a recuperare appieno soprattutto energie fisiche. Vedere il nostro trend in campionato mi ha reso felice, molti sulla carta ci davano per “comparsa” ma sul campo abbiamo dimostrato che si sbagliavano. La fame di vittorie e la gioia nel vedere questi ragazzi con tanta voglia di far bene, mi ha trasmesso un’ulteriore carica che mi ha permesso di essere parte integrante del gruppo. Dispiace per come si sia conclusa questa stagione ma rimaniamo soddisfatti della strada percorsa”.

Il tuo messaggio per i tifosi e i lettori di VaNovaraVa.it? “Un enorme grazie ai tifosi, sono riusciti a starci vicini anche in questi play-off, il loro amore per il Novara Calcio non ha eguali. Sono stati momenti difficili per tutti durante la pandemia, abbiamo messo da parte ogni cosa privilegiando la salute di ciascuno di noi e di tutti i nostri cari. Il mio augurio è quello di vedervi presto allo stadio, di trovare la giusta forza per ripartire e di tornare a vivere il calcio nella giusta dimensione. Voglio vedervi al “Piola” al più presto, questo significherebbe che il virus è sotto controllo e che pian piano la normalità sta tornando ad essere un valore prezioso. Vogliamo vivere insieme a voi la bellezza del calcio, condividere momenti di gioia e uscire insieme anche nelle difficoltà. Voi siete l’anima di questo sport, a presto cari tifosi azzurri!”.

Grazie a Pablo Gonzalez per la disponibilità nel concederci questa intervista. Un ringraziamento anche all’Ufficio Stampa del Novara Calcio per la gentile concessione rilasciataci nella stessa.

Alberto Battimo

 
In esclusiva per voi...

Storico Articoli