gototopgototop
News
Esclusiva VNV: L’intervista a Carlalberto Ludi (DS Como) Esclusiva VNV: L’intervista a Carlalberto Ludi (DS Como) Di Alberto Battimo Tredici anni insieme...
Igor Novara: altro ritorno in azzurro, quello di Elisa Zanette Igor Novara: altro ritorno in azzurro, quello di Elisa Zanette Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Lega Pro: nuova proposta per il Consiglio Federale Lega Pro: nuova proposta per il Consiglio Federale Di redazione vanovarava.it Il Consiglio di Le...
Un grosso rischio… evitabile Un grosso rischio… evitabile Di Giovanni Chiorazzi Esiste un vecchio adagio c...
Igor Novara: Malwina Smarzek nuova leader dell'attacco Igor Novara: Malwina Smarzek nuova leader dell'attacco Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Igor Novara: Caterina Bosetti torna in azzurro Igor Novara: Caterina Bosetti torna in azzurro Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Classifica 2019/2020
Sondaggio
Emergenza Covid-19: giusto fermare del tutto la stagione?
 

Chiamata alle armi per 7 azzurri


Di Gianfranco Capra

La foto che vi proponiamo (in alto a sinistra e, in forma più estesa, in basso al centro) è senza dubbio un’immagine “storica”: rappresenta, infatti, i giocatori del Novara Calcio, anni '40, che furono chiamati alle armi in occasione della seconda guerra mondiale. Da sinistra troviamo:

Giuseppe Mainardi, detto “Main”, di San Pietro Mosezzo (1919), mediano e all’occorrenza ala destra, cresciuto nel vivaio della Sparta. Passò al Novara nel 1939 e disputò con la maglia azzurra un totale di ben 266 presenze, di cui 121 in Serie A;

Angelo Galli, detto “al Galèt”, di Novara (1912), proveniente dal circolo Archimede di Novara. Un mediano di classe e rendimento, con due promozioni in Serie A e 87 presenze in massima serie;

Otello Torri, detto “Tello”, bresciano di origine (1917) ma anch’egli cresciuto nel circolo Archimede di Novara. Si trasferì alla Sparta, quindi al Novara con 63 presenze in Serie A e una promozione dalla Serie B. Fu capocannoniere in Serie B nel 1938;

Renato Calzolai, carrarese del 1917. Due stagioni al Novara, dal 1930 al 1941. Un’ala destra molto veloce e abile nei cross, ceduto poi al Brescia;

Vittorio Barberis, detto “Tojo”, classe 1919 di Omegna. Sei stagioni al Novara come ala sinistra molto ficcante, con uno score di 64 partite in Serie A e 16 gol all’attivo. Venne in seguito ceduto alla Pro Patria;

Cosimo Muci, detto “Mino”, classe 1920 cresciuto nella Sparta. A seguire approdò al Novara dove rimase per ben cinque stagioni come centravanti e mezzala. Nel suo palmares spiccano due campionati all’Inter nel primo dopoguerra, con un totale di 99 gare in Serie A e 30 gol all’attivo. Un talento indiscusso che, dopo la campagna di Russia, tornò a casa con un piede leggermente congelato;

Virginio Bonati, varesino del 1914, terzino di grande classe. Ha giocato sette campionati nel Novara, dove giunse prelevato dal Seregno. Per lui due promozioni dalla Serie B e 87 presenze in Serie A. Fu dichiarato “disperso” in Russia nel 1942.

Gianfranco Capra


Da sinistra: Giuseppe Mainardi, Angelo Galli, Otello Torri, Renato Calzolai,
Vittorio Barberis, Cosimo Muci e Virginio Bonati

 

Storico Articoli