gototopgototop
News
Un tuffo a 360° sulla ginnastica artistica novarese Un tuffo a 360° sulla ginnastica artistica novarese Di redazione vanovarava.it Forse in poc...
Novara Calcio: confermata l’iscrizione alla Serie C 2020-21 Novara Calcio: confermata l’iscrizione alla Serie C 2020-21 Di redazione vanovarava.it La società Novara ...
Il Club Piazzano Novara promosso in Serie A2! Il Club Piazzano Novara promosso in Serie A2! Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
TC Piazzano: festa per la promozione in B femminile TC Piazzano: festa per la promozione in B femminile Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Classifica 2019/2020

Esclusiva VNV: L’intervista a Nicolas Schiavi


Di Alberto Battimo

Novara è la sua seconda casa e dopo i prestiti a Modena e Cuneo è tornato alla base con la giusta voglia e determinazione. Ogni volta che è stato chiamato in causa ha dimostrato padronanza del centrocampo. La sua grinta, unita ad un senso del gol sopra la media, l’hanno reso una pedina fondamentale per le idee tattiche di mister Banchieri. La classifica ci sorride e il secondo posto occupato dal Renate non è lontano, ma lui sa che pensare troppo in là non è il giusto modo di affrontare la parte finale della stagione e che solo facendo un passo alla volta si potranno raggiungere importanti traguardi. Lui è… Nicolas Schiavi.

Contro il Gozzano è arrivata la prima vittoria del 2020. Rispetto alle gare precedenti, il Novara ha dimostrato tutte le sue potenzialità in fase offensiva, riuscendo a mettere in difficoltà la difesa avversaria per lunghi tratti della gara e concretizzando al meglio le occasioni. Secondo te qual è stato il momento chiave della partita che ha indirizzato la gara a nostro favore? “Secondo me non c’è stato un momento chiave particolare, ma è stata tutta la nostra prestazione che nel complesso ci ha permesso di ottenere questa prima vittoria dell’anno. Avevamo preparato la gara nel modo giusto e siamo contenti di aver dimostrato in campo tutte le indicazioni che il mister ci ha inculcato durante gli allenamenti. Non è cambiato nulla rispetto alle gare precedenti sotto l’aspetto della prestazione, la differenza è stata che questa volta siamo stati concreti sotto porta. Sono tanti i fattori positivi dimostrati domenica scorsa, ma vorrei sottolineare l’ennesima performance di valore cui abbiamo dato vita anche questa volta. Non è semplice mantenere un trend sempre all’altezza della situazione e noi ci stiamo riuscendo con qualità e spirito di sacrificio”.

Quale significato date voi giocatori a questa vittoria che stava per diventare un peso? “Questa vittoria ci mancava molto, sentivamo questa mancanza. Nello specifico tutto l’ambiente attendeva questi tre punti con trepidazione, anche la nuova dirigenza non vedeva l’ora di festeggiare questa prima vittoria da quando sono diventati proprietari. Non è mai stato un peso però, siamo sempre rimasti tranquilli e consapevoli che era solo questione di tempo. Ci saremmo preoccupati se avessimo fatto un passo indietro sotto il profilo della prestazione, ma questa non è mai mancata. Abbiamo sempre fatto bene e questa vittoria è il giusto riconoscimento dopo un momento difficile solo sotto il profilo dei risultati e degli episodi”.

Ora ci saranno due trasferte importanti, ma prima dell’atteso derby contro la Pro Vercelli ci aspetta una sfida altrettanto fondamentale contro l’AlbinoLeffe. La squadra bergamasca arriva a questa sfida con cinque risultati utili consecutivi e solo tre punti ci dividono in classifica. Quale sarà la giusta condotta di gara che il Novara dovrà fornire per uscire da Gorgonzola con i tre punti? “Mi aspetto una sfida simile a quella dell’andata, una gara chiusa dove i particolari potranno fare la differenza. All’andata avevamo vinto per 1-0 conducendo la gara con ordine e intelligenza. Loro sanno difendersi, sono una squadra composta da buoni giocatori e il loro mister ha trovato la giusta collocazione a ognuno di loro. Sarà una sfida difficile ma siamo pronti ad affrontarla, il campionato sta entrando nella fase decisiva della stagione e ogni partita diventerà sempre più complicata. Dobbiamo mantenere la giusta concentrazione e sfruttare al meglio ogni occasione, lavoreremo fino alla fine con la giusta mentalità e attenzione”.

Siamo arrivati ad una fase molto importante della stagione, momento in cui le squadre cominciano a guardare la classifica con sempre più interesse e con l’obiettivo di raggiungere gli obiettivi prefissati. Visto che anche mister Banchieri ha affermato che la posizione di classifica è positiva, possiamo dichiarare l’obiettivo stagionale del Novara? “Penso sia corretto guardare la classifica, ma porsi un obiettivo potrebbe essere deleterio per il nostro cammino. Sono dell’idea che pensare partita dopo partita sia il modo migliore per rimanere sempre con i piedi per terra e affrontare gli avversari con la giusta mentalità senza farci distrarre da traguardi stagionali. Ovvio che cercheremo di vincere più partite possibili per arrivare il più in alto, ormai il primo posto del Monza è quasi impossibile da raggiungere ma dalla seconda piazza in giù siamo tutti ancora in gioco. La strada è quella giusta, continuiamo così pronti a lottare per il posto migliore nei play-off e affrontarli tutti insieme con le nostre forze”.

A venticinque anni sei nel pieno della carriera, migliori con il passare degli anni e in campo dimostri sempre più autorità. Cosa ti manca per diventare un giocatore ancora più completo? “Non so dire di preciso cosa mi manchi per crescere ancora di più come calciatore ma non bisogna mai considerarsi arrivati, sono giovane e continuerò ad allenarmi e a seguire i consigli dei miei compagni e allenatori. La mia mentalità sarà sempre questa perchè vorrò, in primis, dare una mano importante alla squadra per raggiungere gli obiettivi prefissati e poi per diventare un giocatore sempre più completo”.

Facciamo un piccolo passo indietro. Nella sfida casalinga contro il Pontedera hai realizzato la rete del pareggio su rigore nei minuti finali di gara. Presentarsi dal dischetto in quella situazione e calciare un rigore con grande freddezza è una responsabilità che non tutti i calciatori hanno il coraggio di assumersi. Come si affrontano al meglio quegli interminabili secondi che passano nel mettere la palla sul dischetto e calciare il rigore? Da dove nasce questa consapevolezza dei propri mezzi? “In queste situazioni l’aspetto mentale è determinante. Prima della partita mi sentivo tranquillo e quando mi sono presentato sul dischetto ero sicuro di segnare. Riuscire ad isolarsi dall’ambiente che hai intorno e concentrarti solamente sul rigore è un aiuto importante. Questa consapevolezza nei miei mezzi si è rafforzata con il tempo, anche durante gli allenamenti mi alleno molto sui rigori, non è come batterli in partita ma di certo si acquista quella giusta tecnica nel calciarli e si prende sempre più familiarità con queste situazioni”.

Il tuo messaggio per i tifosi e i lettori di VaNovaraVa.it. “Ringrazio tutti i tifosi per il grande incitamento e appoggio in tutte le gare, siete fondamentali per guidarci verso la vittoria. Tutti insieme viviamo intensamente queste fase importante della stagione, ci aspettano delle partite difficili e tutti ci teniamo a fare bene. Noi daremo sempre il massimo per ottenere la vittoria su ogni campo… Forza Novara!”.

Grazie a Nicolas Schiavi per la disponibilità nel concederci questa intervista. Un ringraziamento anche all’Ufficio Comunicazione e all’Ufficio Stampa del Novara Calcio per la gentile concessione rilasciataci nella stessa.

Alberto Battimo

 
In esclusiva per voi...

Storico Articoli