gototopgototop
News
Novara - Pontedera 1-1 Novara - Pontedera 1-1 Di Giovanni Chiorazzi Il Novara deve rimandar...
Le pagelle di Novara-Pontedera Le pagelle di Novara-Pontedera Di Fabio Fornari MARCHEGIANI: VOTO 5,5 Prati...
Igor Volley Novara: il ciclo vincente non si arresta! Igor Volley Novara: il ciclo vincente non si arresta! Pubblichiamo integralmente il testo del comunicat...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio
Classifica 2019/2020
Sondaggio
Con la nuova proprietà del Novara Calcio, dove si può arrivare nell’attuale stagione?
 

La formazione di Novara-Monza


Di redazione vanovarava.it

C’è tanto, decisamente tanto rammarico, nella sconfitta in cui sono incappati gli azzurri contro il Monza, perché - per quanto potuto osservare in campo e per le azioni a disposizione - il successo contro la “corazzata” brianzola è parso ampiamente alla portata degli uomini di Banchieri. Ne è una prova tangibile il fatto che per oltre un’ora è stato il Novara a imporre il proprio gioco sugli avversari, subendo la punizione (come spesso accade) solo in occasione di un episodio negativo, concretizzatosi con un “pasticcio” commesso da Marchegiani, fino ad allora “spettatore non pagante” del match.

Il secondo episodio a danno degli azzurri si è poi materializzato con uno sfortunato tocco con la mano in area di Pogliano, che ha decretato un calcio di rigore sul quale Gliozzi (cercato dal Novara in questi primi giorni di marcato) non ha data scampo all’estremo difensore azzurro. La terza rete ospite ha concluso con un passivo decisamente troppo severo per la compagine azzurra, che nei minuti finali ha provato il possibile per riaprire la contesa, anche con il debutto in prima squadra di Marzo Zunno, classe 2001, con l’intento di spingere il più possibile in fase avanzata.

Per la sfida contro i “giganti” del Monza, Banchieri ha confermato il 4-3-2-1 chiedendo però a Gonzalez di accentrarsi maggiormente e giocare più vicino alla porta, in alcuni casi sovrapponendosi a Bortolussi nel ruolo di punta avanzata e con Peralta bravo a far circolare velocemente il pallone senza dare punti di riferimento alla difesa biancorossa.

In mediana il trio composto da Buzzegoli in regia e da Bianchi e Nardi a supporto, ha offerto ampie garanzie e mole di gioco, con il recupero di tanti palloni e una “diga” che ha retto quasi tutti i confronti con i “pericolosi” attaccanti del Monza. In particolare si è distinto Nardi, bravo a inserirsi tra le maglie avversarie e uno fra i migliori nello scacchiere tattico azzurro.

In difesa, senza l’impiego di Cagnano (tenuto precauzionalmente a riposo) è toccato a Cassandro (e non al vice “naturale” Visconti) giocare sul versante mancino, con Barbieri dalla parte opposta e in mezzo la coppia formata da Sbraga-Pogliano.

redazione vanovarava.it

 

Storico Articoli