gototopgototop
News
Le voci dallo spogliatoio: Novara-Pontedera Le voci dallo spogliatoio: Novara-Pontedera Di redazione vanovarava.it Foto © Guido Leonardi ...
Novara - Pontedera 1-1 Novara - Pontedera 1-1 Di Giovanni Chiorazzi Il Novara deve rimandar...
Le pagelle di Novara-Pontedera Le pagelle di Novara-Pontedera Di Fabio Fornari MARCHEGIANI: VOTO 5,5 Prati...
Igor Volley Novara: il ciclo vincente non si arresta! Igor Volley Novara: il ciclo vincente non si arresta! Pubblichiamo integralmente il testo del comunicat...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio
Classifica 2019/2020
Sondaggio
Con la nuova proprietà del Novara Calcio, dove si può arrivare nell’attuale stagione?
 

Quando il volley si chiamava AGIL


Di Gianfranco Capra

A Novara il volley è nato nel borgo-parrocchia di San Martino, grazie alla passione e alla competenza di giovani dirigenti, fra cui ricordiamo Gian Giuseppe Corbetta ed Emilio Ferraris: l’iniziativa ebbe molto successo e sfoderò anche due giocatrici diventate in seguito nazionali, Ingrid De Grandis e Alessia Torri (quest’ultima anche Campionessa d’Italia con Bergamo).

In provincia i “vivai” più floridi furono quelli della PAVIC Romagnano e soprattutto della Fulgor Omegna, che consacrarono due fuoriclasse, Eleonora Lo Bianco e Paola Cardullo, oltre a un’altra nazionale, Natalia Viganò.

Poi, negli anni '80, a Trecate nacque l’AGIL (acronimo di Amicizia, Gioia, Impegno e Lealtà) grazie all’iniziativa di suor Giovanna Saporiti (nella foto in alto a sinistra assieme a un giovane Enrico Marchioni), tuttora Presidente della società.


Festeggiamenti per la promozione in B1 della squadra

La squadra trecatese pian piano scalò i campionati giovanili e nel 2001 arrivò addirittura a conquistare la Serie A, ovvero la massima divisione del volley femminile.

La preziosa foto che vi mostriamo (qui sotto, al centro) rappresenta proprio quella squadra che compì imprese eccezionali. Era allenata dal novarese Luciano Pedullà e comprendeva una fortissima belga come Virginia De Carne, due ottime statunitensi come Weston e Noriega, le bravissime Paola Cardullo e Natalia Viganò (provenienti da Omegna) e, non ultima, la compianta Sara Anzanello, oltre a Rosso, Venturini, Zonca, Porzio e Rocca. Le novaresi superarono agevolmente in finale la squadra di Forlì. Era il maggio 2001, una data storica.


La squadra che diede inizio alla scalata della Agil

Suor Giovanna, con la sua AGIL, ha continuato poi a giocare al palazzetto Dal Lago di Novara e ha avuto per dieci anni come sponsor l’Asystel (seppur, purtroppo, vincendo poco).


Tanto pubblico al seguito della AGIL fin dai primi anni di fondazione

Quindi, qualche anno fa, la squadra è stata sponsorizzata dalla Igor Gorgonzola di Novara e ha raggiunto, nel 2017, il “sospirato” primo Scudetto, sino all’anno successivo, arrivando addirittura al titolo di Campione d’Europa e richiamando al nuovo palazzetto di Sant’Agabio vere folle di sostenitori.

Adesso la Igor-AGIL di suor Giovanna e di Fabio Leonardi è impegnata in Cina, nella prestigiosa Coppa del Mondo per squadre di Club.

Si può tranquillamente affermare che ne ha fatti di passi, a dir poco giganteschi, l’AGIL nata nel 1984, dall’idea e dalla passione di una suora trecatese.

Gianfranco Capra

 

Storico Articoli