gototopgototop
News
Igor Novara: Malwina Smarzek nuova leader dell'attacco Igor Novara: Malwina Smarzek nuova leader dell'attacco Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Igor Novara: Caterina Bosetti torna in azzurro Igor Novara: Caterina Bosetti torna in azzurro Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Ghirelli non ci sta: “Serie C non in grado di giocare” Ghirelli non ci sta: “Serie C non in grado di giocare” Di redazione vanovarava.it La Lega Pro lancia l’...
Consiglio Federale: la Serie C può riprendere! Consiglio Federale: la Serie C può riprendere! Di redazione vanovarava.it La notizia può dirsi ...
Igor Novara: sarà Battistoni la vice Hancock per il 2020-21 Igor Novara: sarà Battistoni la vice Hancock per il 2020-21 Pubblichiamo integralmente il testo del comunicat...
Classifica 2019/2020
Sondaggio
Emergenza Covid-19: giusto fermare del tutto la stagione?
 

La formazione di Novara-Pianese


Di redazione vanovarava.it

La beffa subita dal Novara, a venti secondi dalla fine, con il gol di rapina messo a segno da Momentè della Pianese, suona un po’ come una sconfitta per la compagine di Banchieri. Sarebbe bastato, infatti, controllare meglio l’ultima manovra offensiva dei toscani per portare a casa l’intera posta in palio, senza doversi rammaricare per la grande occasione gettata al vento. A venire meno, oltre alla condizione di alcuni giocatori, anche un pizzico di brillantezza che ha vanificato il vantaggio iniziale ad opera di Gonzalez, tornato ad essere determinante in maglia azzurra con il suo primo centro stagionale dopo un lungo digiuno.

Per l’occasione mister Banchieri ha cambiato qualche attore protagonista nell’undici iniziale, pur mantenendo fede al suo “collaudato” 4-3-2-1. Così, davanti a Marchegiani, la retroguardia ha visto il ritorno al centro di Bove (prima apparizione in campionato per lui, dopo la lunga sosta forzata) in coppia con Sbraga, mentre sulla corsia destra ha ritrovato il suo posto Tommaso Barbieri. Invariato, sul versante mancino, l’impiego di Cagnano. Nella ripresa, un’evidente difficoltà nella copertura difensiva da parte di Barbieri, più abile a spingere in avanti, ha convinto mister Banchieri a sostituire il terzino con Cassandro.

Il reparto mediano è quello che, al contrario, non ha subito modifiche rispetto al consueto e alle previsioni della vigilia: Buzzegoli è partito dal primo minuto nonostante la botta all’anca rimediata ad Arezzo, Bianchi e Nardi (rimasti in campo per tutti i novanta minuti) lo hanno supportato nelle manovre con qualche alto e basso, ma nel complesso non soffrendo particolarmente gli avversari.

In attacco l’aspetto più positivo è stato il ritorno al ruolo di titolare di Pablo Gonzalez, che è coinciso anche con il ritorno al gol per l’argentino. Una buona prova per lui, con un calo fisiologico nella ripresa che ha interessato anche Piscitella, impiegato nello stesso ruolo ma dalla parte opposta: gli ingressi rispettivi di Peralta e, in precedenza, di Collodel, sono stati effettuati anche per dare maggior consistenza al centrocampo azzurro, mentre Bortolussi - rimasto spesso un po’ isolato - è stato rimpiazzato da Pinzauti ad un quarto d’ora dalla fine, con Banchieri che ha provato a cambiare inerzia alla partita con un triplice cambio contemporaneo, dove Schiavi ha preso il posto di Buzzegoli in un cambio modulo più orientato alla difesa che all’impostazione.

Col senno del poi, si sarebbe potuto (e dovuto) gestire molto meglio il risultato, senza farsi “schiacciare” dagli avversari e senza arretrare troppo il proprio baricentro di gioco. Ma a questo punto è inutile piangere sul latte versato… meglio fare un’attenta analisi e, soprattutto, trarre insegnamento dai propri errori.

redazione vanovarava.it

 

Storico Articoli