gototopgototop
News
Igor Volley Novara: “sfuma” la finalissima del Mondiale Igor Volley Novara: “sfuma” la finalissima del Mondiale Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Berretti Novara: con la vittoria sulla Pro Patria è di nuovo leadership Berretti Novara: con la vittoria sulla Pro Patria è di nuovo leadership Di redazione vanovarava.it Foto © Dino Lo Curto ...
Per il CUS Piemonte un po’ di sfortuna e poca malizia Per il CUS Piemonte un po’ di sfortuna e poca malizia Pubblichiamo integralmente il testo del comunicat...
Conferenza stampa pre Pro Patria-Novara Conferenza stampa pre Pro Patria-Novara Di redazione vanovarava.it Foto © Guido Leonardi ...
Igor Volley Novara: splendido tris al Mondiale! Igor Volley Novara: splendido tris al Mondiale! Pubblichiamo integralmente il testo del comunicato...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio

Classifica 2019/2020
Sondaggio
Cosa ti aspetti dalla stagione 2019-2020 del Novara Calcio?
 

Novara - Pianese 1-1


Di Giovanni Chiorazzi
Foto © novaracalcio.com

Ancora un volta il Novara può recriminare per non essere riuscito a gestire il vantaggio acquisito e per aver concesso troppo a un avversario che, con il passare dei minuti, è cresciuto nelle manovre offensive. Davvero un peccato, perché subire il gol del pareggio in pieno recupero e a pochissimi secondi dal fischio finale non può che alimentare un rammarico al quale, i tifosi del Novara, cominciano a doversi abituare loro malgrado. L’errore più grande commesso dagli azzurri è stato senza dubbio quello di arretrare troppo il proprio baricentro dopo la rete di Pablo Gonzalez, unico aspetto positivo della giornata dato che ha segnato il ritorno al gol per l’argentino di Tandil. Già sul finire del primo tempo, infatti, la “matricola” Pianese si era pericolosamente affacciata dalla parti di Marchegiani, per fortuna degli azzurri peccando in maniera abbastanza grossolana nella finalizzazione. Un segnale iniziale di come il Novara non stesse giocando con la consueta lucidità e determinazione che aveva caratterizzato molte partite di Buzzegoli e compagni sino ad allora. Ne è così scaturita una partita abbastanza “anonima”, con pochissime occasioni degne di nota e che ha dato ragione a chi ha scelto di guardare la partita al caldo della propria casa. Eppure, come spesso invocato a mister Banchieri, questa volta il tecnico azzurro aveva scelto di optare per dei cambi dal primo minuto che avrebbero dovuto portare un po’ più di freschezza atletica, a cominciare dalla difesa dove - oltre al ritorno di Barbieri sulla corsia destra - si è potuto registrare il debutto stagionale di Davide Bove al centro, in coppia con Sbraga, dopo la pausa “forzata” a scopo cautelativo per un problema cardiaco.
Al contrario, invece, il calo di condizione che si era già intravisto nella trasferte di Olbia e Arezzo si è ripetuto anche contro la Pianese, avversario al quale va dato il grosso merito di non arrendersi sino all’ultimo, puntando
sull’esperienza del giocatore più esperto, quel Momentè che non ha dato scampo a Marchegiani nell’ultima occasione del match.
E’ ovvio che questo pareggio assuma le sembianze di una sconfitta per come è maturato, anche se gli avversari non hanno rubato nulla per quanto osservato in campo. E’ innegabile, tuttavia, che i punti gettati al vento comincino ad essere tanti per il Novara, che avrebbe sicuramente tratto un grosso beneficio dai risultati della giornata odierna cogliendo l’intera posta in palio. Una prova di maturità che per l’ennesima volta è venuta a mancare e se, ad Arezzo, era possibile imputare la colpa a episodi negativi che avrebbero penalizzato la compagine di Banchieri (si vedano i due rigori assegnati contro), questa volta non è proprio possibile trovare alcun alibi dietro al quale trincerarsi, se non una disattenzione in chiave difensiva costata tantissimo in termini di risultato e che incrina un po’ quella solidità conquistata con tanto sacrificio dalle prime giornate di campionato ad oggi.
Il terreno pesante per l’abbondante pioggia caduta avrebbe inoltre potuto aiutare gli azzurri a mantenere quel vantaggio che, per un attimo, ha fatto presagire a una vittoria facile… forse un altro aspetto che potrebbe aver tratto in inganno i giocatori del Novara, che in concreto non hanno avuto grosse occasioni (così come non le hanno avute quelli della Pianese, che però al contrario hanno fatto girare maggiormente la palla).
Senza la necessaria lucidità e con un’apprensione troppo marcata nel subire il gol del pareggio, gli azzurri hanno permesso agli avversari di conquistare metri in campo e, nel contempo, sicurezza nelle manovre offensive, mentre dall’altra parte il Novara ha perso qualcosa anche sul piano
della determinazione. A nulla sono serviti gli accorgimenti di mister Banchieri, l’ultimo in ordine temporale quello del triplice cambio a un quarto d’ora dalla fine che, sul subito, aveva dato l’impressione di aver colmato quel gap a centrocampo dove da alcuni minuti si erano registrati non pochi errori, anche nei passaggi più semplici.
Detto questo, al di là del gol subito in maniera ingenua dal Novara, a preoccupare maggiormente è un calo di condizione che non si sarebbe potuto cancellare neppure se la sfida fosse finita per 1-0 e si fossero portati in cascina tre punti fondamentali per mantenersi nelle posizioni di vertice della classifica.
Compreso che a questo punto non si tratti più tanto di un problema legato ai singoli, la chiave di volta potrebbe essere legata al possibile cambio di modulo, seppur contenuto, che renda meno prevedibili le manovre azzurre e valorizzi maggiormente le azione offensive, magari sfruttando il ritrovato estro di Gonzalez che - quando si accentra nelle sue giocate - diventa un pericolo per qualunque difesa avversaria.
A due sole giornate dal giro di boa tra girone d’andata e quello di ritorno, al Novara potrebbe diventare di assoluta importanza capire il prima possibile come rendersi più efficace, anche accantonando per un attimo il bel gioco, ma puntando esclusivamente sul risultato, a cominciare dalla prossima sfida in trasferta contro la Pro Patria… una partita che non può dirsi come tutte le altre, perché dopo il derby contro la Pro Vercelli resta senza dubbio una delle gare più sentite dalla tifoseria azzurra. Vincere fuori casa sarebbe un’ottima iniezione di fiducia per Buzzegoli e compagni, sia per riscattarsi adeguatamente da questo “amaro” pareggio (ma in modo più concreto di quanto sarebbe dovuto andare in scena anche con la Pianese, dopo la dichiarata irritazione per la sconfitta di Arezzo), sia per cominciare a macinare punti anche lontano dal “Silvio Piola” e recuperare posizioni da chi precede in classifica, con l’obiettivo di portarsi al secondo posto dietro al Monza ormai irraggiungibile.

Giovanni Chiorazzi
Foto © novaracalcio.com

NOVARA: Marchegiani; Barbieri (dal 27'st Cassandro), Sbraga, Bove, Cagnano; Nardi, Buzzegoli (dal 33'st Schiavi), Bianchi; Gonzalez (dal 33'st Peralta), Piscitella (dal 23'st Collodel); Bortolussi (dal 33'st Pinzauti).
A disposizione: Marricchi; Pogliano, Tartaglia, Visconti, Fonseca, Capanni, Zunno.
Allenatore: Simone Banchieri.


PIANESE: Fontana; Cason (dal 20'st Romano), Dierna, Gagliardi, Seminara (dal 45'st Montaperto); Figoli (dal 1'st Carannante), Simeoni, Catanese; G. Benedetti (dal 1'st Regoli); Momentè, Udoh (dal 16'st Rinaldini).
A disposizione: Sarini; Ambrogio, Vavassori, Tampwo, L. Benedetti, Scarlino.
Allenatore: Marco Masi.

Arbitro: Sig. Tommaso Zamagni della sezione di Cesena.
Assistenti: Sigg. Massimiliano Bonomo (sezione di Milano) e Fabrizio Giorgi (sezione di Legnano).

Marcatori: 12'pt Gonzalez (N), 49'st Momenté (P).

Ammonizioni: Cagnano e Bove per il Novara; Catanese, Udoh, Gagliardi e Romano per la Pianese.

Espulsioni: nessuna.

Calci d’angolo: 6 per il Novara; 5 per la Pianese.

Recupero: 1'pt; 4'st.

Spettatori: 4.133 totali di cui 17 paganti e 4.116 abbonati. Incasso totale di euro 5.600,30 (quota abbonati di euro 5.281,30).

Note:
pomeriggio piovoso per tutto l’arco della partita, terreno sintetico in non perfette condizioni salvo alcune zone del campo e appesantito dalla pioggia incessante, temperature nella media stagionale ed elevata umidità. Primo “storico” confronto fra le due squadre.

Cronaca: Primo “storico” confronto fra Novara e Pianese che si affrontano per la prima volta nella loro storia. Mister Banchieri, pur confermando il “suo” 4-3-2-1, questa volta stupisce un po’ tutti con alcune modifiche apportate all’undici iniziale: in difesa spazio a Bove (debutto stagionale per lui) in coppia con Sbraga; sulla corsia esterna ritorno all’impiego di Barbieri, con Cagnano ad agire sul versante opposto. In mezzo nessuna modifica rispetto alle previsioni della vigilia, con Buzzegoli supportato da Nardi e Bianchi. In attacco l’altra novità è il ritorno ad un ruolo da titolare per Gonzalez, affiancato a Piscitella e a supporto di Bortolussi. Gli ospiti rispondono con un 4-3-1-2 dove i nomi più altisonanti sono quelli che compongono il tandem offensivo, composto dalla coppia Momentè-Udoh.

Al 2' si fa vedere subito in avanti il Novara con un’azione in velocità nata da un’invenzione di Piscitella, uno scambio con Bianchi e la conclusione di Gonzalez che, di prima intenzione, calcia di poco fuori. Al 9' il direttore di gara è costretto a fermare il gioco per un infortunio occorso a Momentè in un contrasto con Bove. 11' Ghiotta occasione per gli azzurri: Barbieri lancia lungo in avanti per Bortolussi che crossa in area, interviene Piscitella in scivolata ma manca la palla di un soffio mangiandosi una rete praticamente già fatta. Pochi secondi dopo, però, il Novara trova la rete del vantaggio: un errore in disimpegno della Pianese permette a Gonzalez di recuperare palla e puntare verso la porta avversaria, arrivando alla conclusione con un sinistro che si insacca a fil di palo alla destra di Fontana. 17' La Pianese tenta di recuperare lo svantaggio e comincia spingere in modo più concreto impegnando da lontano Marchegiani. 21' Su un rinvio errato di Marchegiani nasce un’azione sulla sinistra del Novara, con Nardi che ci prova con un tiro che esce di poco. 27' Azione del Novara dalla sinistra con Bianchi che serve alla perfezione Piscitella, quest’ultimo va al cross ma nessun compagno interviene e l’azione sfuma. Nei minuti finali, la Pianese impegna la difesa azzurra: al 35' un tiro centrale di Benedetti viene parato in tuffo da Marchegiani. Due minuti più tardi, Piscitella si rende protagonista con un’azione personale sulla sinistra che sfocia in un passaggio smarcante per Buzzegoli, il centrocampista azzurro calcia in porta da circa venti metri ma Fontana, con un tuffo plastico, para e salva la propria rete. 38' Grosso pericolo per il Novara: dalla sinistra la palla arriva a Udoh che, a pochi metri dalla porta, calcia fuori un pallone d’oro da posizione molto favorevole. 40' Contropiede della Pianese che smarca Udoh il quale, palla al piede, supera Marchegiani ma si allarga troppo e al momento di calciare in porta sbaglia completamente la trattoria. 43' Dagli sviluppi di un corner, ammonito Udoh per aver segnato colpendo la palla con la mano. Dopo un solo minuto di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi.

La ripresa si apre con un doppio cambio per gli ospiti: fuori Figoli per Carannante e Benedetti per Regoli, onestamente un po’ a sorpresa. 4' Punizione per il Novara calciata da Buzzegoli, ne scaturisce uno spiovente in area sul quale Bove tenta la rovesciata volante sfiorando soltanto il pallone. 12' Bellissima azione di Barbieri che dialoga in velocità con Gonzalez, al termine della manovra la sfera arriva a Bortolussi solo davanti al portiere, ma al momento decisivo Fontana salva in tuffo. 15' Si scontrano due giocatori della Pianese, i due subentrati a inizio ripresa, ma fortunatamente nulla di grave. 18' Pericolosa azione della Pianese che gestisce bene sulla sinistra e con un cross al centro mette Momentè in condizione di calciare in porta, ma Marchegiani para con tranquillità. 26' Barbieri perde palla pericolosamente e Simeoni ne approfitta recuperando e arrivando al tiro, con il pallone che sfiora la traversa. 37' Su un rinvio la palla giunge a Cassandro, nel frattempo subentrato a Barbieri, che di prima intenzione calcia ma Fontana para d’istinto deviando in calcio d’angolo. La sfida si protrae sino al recupero, con l’impressione che il risultato non cambierà più. Invece, proprio al quarto e ultimo minuto di recupero concesso dal direttore di gara, la Pianese giunge all’ormai insperato pareggio: da un’azione insistita sulla sinistra viene scagliato un traversone verso l’area azzurra che attraversa tutta l’area senza che nessun difensore azzurro intervenga per respingere la palla, sulla quale però arriva Momentè che ben appostato sul palo opposto non deve far altro che appoggiare in rete. La sfida finisce qui.

Il Novara sciupa una vittoria praticamente già acquisita, facendosi beffare da una Pianese cui va dato il merito di non essersi arresa sino alla fine. Al di là dello spettacolo, che si è visto davvero poco in una gara molto scialba, gli azzurri hanno gettato via l’ennesimo vantaggio acquisito senza fare tesoro degli errori già commessi in precedenza. In aggiunta va anche sottolineata una condizione meno brillante da parte di alcuni uomini di mister Banchieri, cui però si contrappone - in modo positivo - il ritorno al gol di Pablo Gonzalez, con la speranza che la sua prima rete stagionale possa finalmente averlo sbloccato.

redazione vanovarava.it

 

Prenota il Santero Azzurro

Storico Articoli