gototopgototop
News
Volley Novara: prima sconfitta in campionato Volley Novara: prima sconfitta in campionato Pubblichiamo integralmente il testo del comunicat...
I 50 anni del GS Regaldi premiati dal CONI nazionale I 50 anni del GS Regaldi premiati dal CONI nazionale Pubblichiamo integralmente il testo del comunica...
Auguri a tutte le donne! Auguri a tutte le donne! Oggi è un giorno speciale, l’8 marzo. Il giorno in...
Statistiche azzurre alla 29a giornata Statistiche azzurre alla 29a giornata Di Giovanni Chiorazzi Sono on-line le statistiche...
Il punto della 29a Giornata Il punto della 29a Giornata Di redazione vanovarava.it Il campionato di S...
Distanti ma vicine col cuore Distanti ma vicine col cuore Mi ritrovo a scrivere dopo parecchio te...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio

Classifica 2020/2021

Sondaggio
Dopo il mercato di “riparazione” 2021, ritieni che il Novara Calcio:
 

L’intervista a Isabella Di Iulio


Di Alberto Battimo

Domenica la sfida tra Novara e Monza sarà speciale in casa Di Iulio, infatti per la terza volta Isabella e Chiara si troveranno una di fronte all’altra per aiutare le rispettive squadre a raggiungere la vittoria. La squadra brianzola viene da due vittorie consecutive dopo un periodo complicato e a Novara cercherà di confermare il giusto cammino intrapreso. Non sarà facile perché di fronte ci sarà la Igor, che cercherà di seguire la scia di Conegliano e dimostrare il suo ruolo in questo campionato. Isabella non vede l’ora di affrontare questa gara, da poco è una delle protagoniste in A1 ma sta già dimostrando di possedere tutte le doti necessarie per diventare protagonista. Ragazza piena di stimoli e con tanta voglia di fare bene. Lasciamo la parola a… Isabella Di Iulio.

Dopo un periodo complicato da parte di Monza, la squadra brianzola è riuscita a risollevarsi nelle ultime due giornate di campionato ottenendo due vittorie importanti contro Filottrano e Casalmaggiore. In una tua dichiarazione post-gara, dopo la sconfitta contro Caserta, eri ottimista su un’imminente svolta e il tempo ti ha dato ragione. Nello specifico qual è stata questa svolta che vi ha permesso di ottenere cinque punti nelle ultime due partite? Adesso che avete trovato la quadra giusta, quale errore dovrete evitare per non incappare nel momento difficile vissuto in precedenza? “Ero sicura di questa imminente svolta perché sono convinta delle potenzialità di tutta la squadra. Non mi sono fatta abbattere da quel periodo tutt’altro che positivo e questo spirito si è visto in tutte noi, infatti siamo riuscite a trovare la retta via. La nostra forza è l’allenamento quotidiano, siamo sempre concentrate e attente rispettando tutte le indicazioni dell’allenatore. Siamo un bel gruppo, ci sproniamo a vicenda e questo aiuta ciascuna di noi a dare il meglio durante le partite. Essere riuscite ad uscire da questa fase di impasse ci ha rafforzato e ora siamo ancora più forti. Non parlerei di errore commesso nel nostro momento “no”, molte volte le sconfitte arrivano per tanti fattori, il merito va dato anche alla squadra avversaria. Ogni partita deve essere valutata sotto vari aspetti e quindi sono tante le cause che possono portare a una sconfitta, anche degli errori da parte nostra sui fondamentali, ma questo può accadere anche quando si vince. Penso che dobbiamo semplicemente lavorare tranquille e consapevoli delle nostre qualità, è la giusta condizione per affrontare ogni gara con lo spirito giusto”.

Come capita spesso in molte squadre, il mercato porta a rivoluzionare il roster rispetto alla stagione precedente e anche a Monza è successa questa cosa. A che punto siete con l’intesa di squadra? Quali aspetti sono ancora da migliorare, sia dal punto vista tecnico che mentale? “Sono dell’idea che più si sta insieme e ci si allena, più sarà veloce trovare la giusta intesa. Rispetto alle prime gare stagionali stiamo facendo progressi ma ancora non abbiamo raggiunto il massimo feeling. C’è ancora tanto da migliorare, ma se continuiamo così le performance saranno sempre positive.
Per quanto riguarda gli aspetti da migliorare a livello tecnico, non saprei rispondere…  noi cerchiamo di partire sempre dai fondamentali per dare il giusto avvio all’azione e riuscire a capitalizzarla al meglio. Mentalmente dobbiamo sempre credere nelle nostre potenzialità e che possiamo fare risultato contro tutte. Siamo una squadra capace di fare tutto questo, possiamo fare molto di più di quello che stiamo dimostrando finora, tocca a noi fare un ulteriore step”
.

Il vostro roster è composto da giocatrici di tutto rispetto, i nove punti conquistati sinora non rispecchiano il vero valore della squadra. Dove può arrivare Monza? Quale obiettivo vi siete posti per questa stagione? “La nostra è una squadra forte, non è una presunzione ma è un dato di fatto perché i nomi ci sono. Semplicemente, se riusciremo a dimostrare tutte insieme i nostri valori e le nostre qualità, sono sicura che ci toglieremo delle soddisfazioni. Non vorrei sbilanciarmi troppo, all’inizio ci si pone un obiettivo ma se poi attraversi un periodo difficile com’è successo a noi, tutto viene messo in discussione. Posso dire con certezza che il nostro obiettivo è più alto di una semplice salvezza, miriamo a qualcosa di più importante”.

Domenica sfiderete Novara al “Pala Igor”, per voi un bel banco di prova per confermare quanto di buono visto nelle ultime partite. Che sfida ti aspetti? Cosa temete di più di Novara e quale sarà il vostro punto di forza per riuscire a complicare la vita alla squadra di Barbolini? “Sono d’accordo che la sfida di domenica sarà per noi un bel banco di prova. Secondo me sarà una partita molto combattuta da entrambe le parti e penso che sarà anche equilibrata. In questo momento più che all’avversario dobbiamo pensare prima a noi stesse, dobbiamo riuscire a confermare anche a Novara il nostro trend positivo come premio per quello che stiamo facendo durante la settimana e della consapevolezza che stiamo pian piano riacquistando. Visti i tanti impegni ravvicinati che coinvolgono Novara, non sarà facile intuire quale sarà il loro roster di partenza. Sicuramente uno dei punti forti della squadra sono le centrali e le attaccanti: toccherà a noi trovare le giuste contromosse per limitare questa loro peculiarità e rispondere a dovere. Quando si incontrano squadre forti come Novara sarà importante fare pressione sui fondamentali, ogni fase di gioco avrà la sua rilevanza: riuscire a premere in ogni azione sarebbe l’ideale. Sappiamo bene che la pallavolo è ricca di episodi ed eventi che possono sovvertire qualsiasi tipo di situazione, ma noi siamo pronte a tutto!”.

Una tua opinione sul roster di Novara… “Tolta Conegliano, che sta dimostrando una pallavolo di alto livello, penso che il resto delle squadre sia abbastanza equilibrato. Il roster di Novara è di tutto rispetto, in questa stagione lotterà per tanti obiettivi e questo potrà incidere sull’andamento della squadra nel corso del campionato, toccherà a noi avversarie approfittare di un’eventuale loro frenata per lottare insieme a loro. Dall’esterno vedo una squadra di valore che può lottare benissimo per tutti gli obiettivi che ha a disposizione”.


Isabella e Chiara Di Iulio

Per quanto riguarda la lotta al vertice, le prime due sfide tra Novara e Conegliano sono andate tutte e due alla compagine veneta. Pensi che Conegliano sia imbattibile oppure credi che Novara e le altre riusciranno a trovare le giuste contromosse per batterle nel corso della stagione? “In questo momento Conegliano sta dimostrando qualcosa in più, ma il campionato è ancora lungo e c’è tempo per tutte le avversarie di lavorare e perfezionare i rispettivi roster e dare qualche grattacapo in più alla compagine veneta. Allo stesso tempo anche Conegliano ha la possibilità di migliorare le sue prestazioni ma sarà una stagione lunga e difficile per tutte le squadre, nulla è ancora scritto. Stiamo già vedendo che non esistono partite scontate e parlo anche per esperienza personale: l’anno scorso a Brescia siamo riuscite a toglierci delle soddisfazioni, anche contro le prime della classe. La pallavolo italiana è bella anche per questo, in generale il roster delle squadre è abbastanza equilibrato e mi auguro che Monza possa raggiungere i livelli di Novara al più presto”.

La sfida contro Novara ti vedrà affrontare da avversaria tua sorella Chiara, sarà la terza volta che vi troverete nella parte opposta del campo. Com’è il clima in famiglia quando vi affrontate in campo? Cosa apprezzi di più delle qualità di Chiara e quale peculiarità pensi di avere in più rispetto a lei? “Quando ci affrontiamo in campo a soffrire più di tutti sono i nostri genitori. Per me e Chiara è bello ed emozionante trovarci di fronte ad una sfida del genere, per me che sono arrivata in A1 da poco è un sogno. Sin da piccola seguivo mia sorella in tutti i palazzetti per starle vicino e incitarla, vedermi adesso nella stessa categoria e giocarci contro mi rende felice. Penso che anche mia sorella sia contenta di vedermi in A1, mi ha vista crescere e adesso mi vede dall’altra parte del campo, sarà orgogliosa del mio cammino.
Sicuramente Chiara è una leader nata, ha una personalità e una presenza in campo che mi fa pensare a questo ruolo. La sua è una dote innata, non puoi costruirtela nel corso della carriera, devi avercela dentro. Io invece penso di essere abbastanza ponderata nel prendere decisioni, in alcune situazioni sono meno istintiva e più ragionevole: questo è dovuto anche al mio carattere e al ruolo che occupo in campo. Vorrei precisare che questa, più che definirla una dote che ho in più, è un modo diverso di affrontare certe situazioni, quindi questo può nascondere anche un effetto positivo o negativo, dipende poi dal contesto che si ha di fronte”
.

Hai ventisette anni, sei nel pieno della carriera e della maturità sportiva. Soddisfatta del percorso intrapreso finora? Quali sono i tuoi obiettivi personali che vorresti esaudire in futuro? “Assolutamente sì, sono contenta del mio percorso e della scelta che ho fatto in questa stagione di venire a Monza. Ho voglia di togliermi delle soddisfazioni e Monza è la piazza giusta per vivere questi momenti.
Per quanto riguarda i miei obiettivi personali, vorrei un giorno riuscire ad alzare qualche trofeo, ci terrei tanto ad esaudire questo mio desiderio. Vincere uno Scudetto sarebbe un sogno ma mi accontenterei anche di una Coppa Italia, farò di tutto per raggiungere questo mio sogno”
.

Vuoi lasciare un messaggio a tutti i tuoi sostenitori? “Saluto tutti i tifosi amanti della pallavolo e invito i sostenitori di Monza a seguirci con costanza e a incitarci in ogni palazzetto”.

Grazie a Isabella Di Iulio per la disponibilità nel concederci questa intervista. Un ringraziamento anche all’Ufficio Stampa della Saugella Monza per la gentile concessione rilasciataci nella stessa.

Alberto Battimo

 

La maglia azzurra 2020-21

Storico Articoli