gototopgototop
News
Le voci dallo spogliatoio: Lecco-Novara Le voci dallo spogliatoio: Lecco-Novara Di redazione vanovarava.it Foto © Guido Leonardi ...
Lecco - Novara 3-2 Lecco - Novara 3-2 Di Giovanni Chiorazzi Foto © novaracalcio.com Il...
Mancano
 g  h  m  s
alla prossima partita di campionato del
Novara Calcio
Classifica 2019/2020
Sondaggio
Con la nuova proprietà del Novara Calcio, dove si può arrivare nell’attuale stagione?
 

L’Alcarotti come una palude


Di Gianfranco Capra

Dovete sapere che negli anni '50 il Novara Calcio giocava in Serie A e mostrava un certo complesso di inferiorità verso le squadre metropolitane. Le solite Juventus, Milan, Inter, Roma, ecc.

Per attenuare questa presunta inferiorità, i massimi dirigenti di allora (istigati da Silvio Piola) avevano trovato un sistema abbastanza efficace. La sera prima di ogni partita casalinga, verso mezzanotte, tre “figuri” con stivaloni e impermeabile si recavano allo stadio di via Alcarotti, penetravano sul campo e qui - con pompe e idranti - “innaffiavano” il terreno di gioco.

I tre in questione erano rispettabili cittadini novaresi: Luciano Marmo, commissario tecnico del Novara Calcio; Celestino Sartorio, illustre avvocato e presidente dell’Ospedale Maggiore, nonché vicepresidente della Banca Popolare; un altro esimio avvocato, Piero Omodei-Zorini, uno dei padri-fondatori del Novara.

La motivazione? Rendere il campo “pesante” e al limite della praticabilità, quasi una palude, perché si diceva che a quei tempi beati il Novara giocasse meglio nel fango e nelle pozzanghere. Infatti, il Novara targato anni '50 era una squadra “vecchiotta”, con molti giocatori che avevano superato la trentina e prediligevano il “tango” o il “lento” e non certo la “samba” e il “boogie-woogie”.


Una fedele caricatura di Luciano Marmo disegnata da Manuela Tarlao


Piola
, poi, era il re del fango e delle pozzanghere con a fianco il suo scudiero Lanfranco Alberico (entrambi nella foto in alto a sinistra). Nella palude del vecchio
“Comunale” si trovavano benissimo, loro che provenivano dalle risaie vercellesi.

A volte l’arbitro, quando usciva per il consueto sopralluogo, si impantanava subito e si chiedeva perplesso: “E’ stata una settimana di sole e aria tiepida! Come mai c’è un campo così schifoso?”. Si giocava comunque (perché bisognava onorare il Totocalcio) e Piola, Alberico, Renica, Mainardi, De Togni e Baira sembravano “ballerine della Scala” su quel rettangolo cosparso di pozzanghere, poltiglia innominabile e, a volte, anche lastre di ghiaccio.

L’unico che soffriva quella situazione anormale era il filiforme Gigi Molina (il secondo), che pesava 50 chili bagnati e a malapena riusciva a spostare il pallone che pesava tre chilogrammi.

Vidi una partita come estemporaneo raccattapalle dalla parte del Valentino. Contro la nobile Lazio ammirai Piola (nella foto in basso a destra) - sdraiato in una vasta pozzanghera con bordi fangosi - arpionare una palla in piena area e, con un tocco felpato da terra, beffare Sentimenti IV che lo insultò per tutto il resto della partita.

Gianfranco Capra

 

Storico Articoli