gototopgototop
News
Igor Novara: il primo volto nuovo è quello di Elitsa Vasileva Igor Novara: il primo volto nuovo è quello di Elitsa Vasileva Pubblichiamo integralmente il testo del comunicat...
Esclusiva VNV: L’intervista a Massimo Barbolini Esclusiva VNV: L’intervista a Massimo Barbolini Di Alberto Battimo Foto © Igor Volley Novara Non...
Senior League: il Novara sogna le finali nazionali Senior League: il Novara sogna le finali nazionali Di redazione vanovarava.it Il Novara Calcio “...
Play-off 1° turno nazionale (ritorno): i risultati Play-off 1° turno nazionale (ritorno): i risultati Di redazione vanovarava.it La Feralpisalò è la p...

Sito ufficiale Lega Pro
Sondaggio
Cosa ha inciso di più nella stagione 2018-19 del Novara?
 

A.S.D. Edelweiss: un campo di calcio in memoria di Weisz


Di redazione vanovarava.it

La società A.S.D. Edelweiss, club affiliato al “Sestante Azzurro” del Novara Calcio, è lieta di informare che lunedì 20 maggio 2019 alle ore 18.00 presso la sede della società sita in Novara - via Premuda, 36 - si svolgerà la cerimonia di intitolazione del campo da calcio ad Árpád Weisz, allenatore del Novara nel campionato 1934-35. A seguire verrà svolta una gara amichevole tra A.S.D. Edelweiss e Novara Calcio. All’evento saranno presenti il vice-presidente del Novara Calcio, Carlo Accornero, unitamente ai calciatori Pablo Gonzalez e Davide Bove.

Árpád Weisz ha vinto nella stagione 1929-30 il primo campionato italiano di Serie A alla guida dell’Inter. Dopo aver allenato il Novara nella stagione 1935-36, ponendo le premesse per la prima promozione in Serie A della stagione successiva, passò al Bologna, guidando i rossoblu alla vittoria dei campionati 1934-35 e 1936-37 e del Trofeo dell’Esposizione di Parigi, battendo in finale il 6 giugno 1937 il Chelsea per 4-1. Espulso dall’Italia in seguito all’entrata in vigore delle leggi razziali, venne arrestato insieme alla moglie Elena e ai figli Roberto e Clara il 2 agosto 1942, in seguito a una delazione, a Dordrecht, in Olanda, dove si era rifugiato. Internati nel campo di Westerbork, i Weisz furono traferiti il 2 ottobre alla volta di Auschwitz. Giunti a destinazione il giorno 5, Elena, Roberto e Clara vennero immediatamente avviati alla camera a gas. Árpád, invece, venne inviato a Cosel in Alta Slesia a lavorare all’estrazione del carbone nelle miniere di Cosel. Il 31 gennaio 1944 venne riportato ad Auschwitz per essere anch’egli avviato alla camera a gas.

redazione vanovarava.it

 

La maglia azzurra 2018-19

Storico Articoli